PIANETA ANIMALI  a cura di Monica Nocciolini
MANDRIE E GREGGI: SE L’UNIONE FA IL BENESSERE
01/07/2018


REDDITO - proposta 1, mucche al pascolo
Ovini o bovini non importa: la loro gestione in greggi o mandrie punta al benessere animale il cui perseguimento, a livello normativo, riceve spinta dall’Autorità europea. Esistono specifiche sulla dimensione dei locali di stabulazione, la loro ventilazione, l’impiantistica e le ore di luce. Gli animali non vanno legati se non per eventualità particolari e tempi limitati. Tutto dettagliato, insomma, con decreti come il legislativo 126 del 7 luglio 2011 Attuazione della direttiva 2008/119/CE che stabilisce le norme minime per la protezione dei vitelli che arriva a definire, al punto 6 dell’allegato, anche che i controlli da parte del custode avvengano almeno due volte al giorno per i vitelli allevati in locali di stabulazione e almeno una per gli altri.

Il pascolo brado è invece soggetto a norme regionali e comunali, con interlocutori diversificati tra polizie locali, rurali, ambientali o sanità veterinaria di zona. La legge nazionale di riferimento risale al 1927: è la 1766 del 16 giugno, conversione del regio decreto 751 del 22 maggio 1924 “riguardante il riordinamento degli usi civici nel Regno”. All’articolo 11 dispone che “i terreni assegnati ai Comuni o alle frazioni” si distinguano in “convenientemente utilizzabili” come bosco o pascolo permanente, o per la coltura contemperando, spiega l’articolo 14, bisogni della popolazione e conservazione del patrimonio boschivo e pascolivo. Da qui – a seconda della morfologia dei territori e delle economie – si dipanano mille rivoli di altrettanti campanili circa modalità, tempi, iter autorizzativi, limiti, responsabilità, itinerari e regole di transumanza. Poi c’è il fattore U come uomo: che fare se a spasso per i monti si incrociano mucche o pecore al pascolo libero? Il ripetersi di incidenti tra mandrie ed escursionisti ha portato il Tirolo a stilare un decalogo di bon ton riassumibile così: non impicciarsi delle cose da mucche o da pecore. Sono mansuete, ma soprattutto in presenza di cuccioli sarà istintivo per loro proteggerli da sconosciuti invadenti. A ognuno i suoi spazi, e tutti al sicuro.