• >
  • Media & Comunicazione
    >
  • Il Carabiniere
    >
  • La Rivista
    >
  • Anno 2013
    >
  • Marzo
    >
  • Rubriche
    >

Rubriche

Sport

SCHERMA: ESORDIO D’ORO PER ARIANNA ERRIGO A DANZICA. Non poteva iniziare in modo migliore la stagione di Coppa del Mondo per Arianna Errigo, impegnata a Danzica nella prima tappa del circuito iridato. La fiorettista dell’Arma, oro e argento a Londra 2012, ha dominato la prova polacca trionfando in finale contro la francese Astrid Guyart, sconfitta per 15 a 9. La Errigo ha dimostrato di avere un buon feeling con la città polacca, visto che quella di quest’anno è la seconda vittoria in Coppa del Mondo delle tre totali della carriera, dopo il successo ottenuto proprio a Danzica nel 2008. L’azzurra non ha lasciato il minimo spazio alle avversarie per tutto il corso della gara, arrivando a subire al massimo 9 stoccate negli assalti disputati: 15 a 2 con la polacca Lyczbinska nel primo incontro nel tabellone dei 16esimi; 15 a 9 con l’azzurra Alice Volpi negli ottavi; 15 a 7 con la russa Deriglazova e 15 a 6 con Ilaria Salvatori nell’incontro di semifinale. Sul podio, al fianco della Errigo e della Guyart, la campionessa olimpica in carica Elisa Di Francisca e l’altra azzurra Ilaria Salvatori.

SPADA MASCHILE: TRIONFO ITALIANO NELLA PROVA A SQUADRE. Il quartetto azzurro formato dagli spadisti Diego Confalonieri (C.S. Carabinieri), Enrico Garozzo (C.S. Carabinieri), Francesco Martinelli (Fiamme Oro) e Gabriele Bino (Fiamme Oro) ha trionfato nella gara a squadre della prova tedesca di Heidenheim di Coppa del Mondo. La squadra italiana ha riscattato così la deludente prestazione della gara individuale, che aveva visto solamente Enrico Garozzo brillare e conquistare un eccellente terzo posto. I quattro spadisti azzurri hanno vinto il primo incontro con l’Austria per 45 a 18, per poi sconfiggere la Polonia per 45 a 36 nel tabellone degli ottavi. La svolta della gara si è avuta nei quarti con l’entusiasmante vittoria contro gli acerrimi rivali di sempre, i francesi, con i quali si sono consumate da anni le più ostiche e agguerrite sfide sportive. Gli azzurri hanno compiuto un vero e proprio capolavoro, strappando il passaggio alla semifinale per 45 a 39. Nell’incontro successivo, con la Cina, l’Italia del Ct Sandro Cuomo ha controllato gli avversari per tutto l’incontro, mantenendo sempre un vantaggio ampio e sicuro che si è poi concretizzato nel 45 a 36 definitivo. Nella finale per il primo e secondo posto, Confalonieri e compagni hanno affrontato l’Ungheria, che niente ha potuto opporre alla giornata di grazia dei nostri spadisti. L’incontro, sempre piuttosto equilibrato, si è chiuso con il punteggio di 39 a 32 per gli azzurri, che trionfano e si riportano ai vertici mondiali della specialità.

SCIABOLA: UN’ALTRA VITTORIA PER LA SQUADRA ITALIANA. L’Italia di Massimiliano Murolo (C.S. Carabinieri), Diego Occhiuzzi (Aeronautica), Luigi Samele (Fiamme Gialle) e Luca Curatoli (Fiamme Oro) ha vinto la prova a squadre del Trofeo Luxardo, la prestigiosa tappa italiana della Coppa del Mondo di sciabola che ogni anno si disputa a Padova. I quattro sciabolatori azzurri hanno piegato l’Ungheria del campione olimpico Szilagyi in una finale molto combattuta, che si è conclusa con il punteggio di 45 a 43. L’Italia ha superato la Francia nel tabellone dei sedici per poi eliminare l’ostica Russia nei quarti (45 a 36). In semifinale, poi, è stata la volta della Corea, superata di misura per 45 a 44.

FIORETTO MASCHILE: IN SPAGNA COME A LONDRA 2012. A sette mesi di distanza dal trionfo olimpico di Londra, i fiorettisti Andrea Cassarà (C.S. Carabinieri), Giorgio Avola (Aeronautica), Andrea Baldini (Aeronautica) e Valerio Aspromonte (Fiamme Gialle) sono tornati a svettare sul gradino più alto del podio, vincendo la prova a squadre nella Coppa del Mondo di La Coruña. Dopo l’agile vittoria ai danni del Canada (45 a 32) e dell’Egitto (45 a 21) nei primi due incontri di eliminazione diretta, Cassarà e compagni hanno avuto ragione della Russia in semifinale (45 a 32), per poi conquistare la vittoria nella sfida trionfale con gli Usa (45 a 30).

SCI DI FONDO: GRANDIOSO PODIO PER DAVID HOFER. Il fondista del Centro Sportivo Carabinieri David Hofer ha riportato i colori azzurri sul podio della Coppa del Mondo di sci nordico, grazie alla strepitosa prestazione nella sprint maschile di Sochi, in Russia. Sulle nevi che il prossimo anno ospiteranno le Olimpiadi invernali, il carabiniere altoatesino ha centrato il primo podio individuale della carriera in Coppa del Mondo dopo i due terzi posti con la squadra azzurra nelle team sprint nel 2010 e 2012. Hofer, dopo un agile avvio di gara nei turni iniziali, ha dovuto lottare fino all’ultimo metro per superare le semifinali, dalle quali è stato ripescato come migliore degli esclusi per completare il sestetto dei finalisti. Nel tiratissimo duello a sei, l’azzurro si è battuto a viso aperto con i migliori, conducendo una gara d’attacco fin dall’inizio. Dopo un acceso testa a testa con campioni del calibro di Petter Northug, Dario Cologna, Sergey Ustiugov, Nikita Kriukov e Alexey Petukhov, il carabiniere di Bolzano è riuscito ad imporsi per il podio alle spalle di Northug e Cologna, rispettivamente primo e secondo sul traguardo.

SLITTINO: DOMINIK FISCHNALLER DOMINA IL MONDIALE JUNIORES. È passata poco più di una settimana dal suo primo podio in Coppa del Mondo, a Koenigssee, quando Dominik Fischnaller domina il Campionato del Mondo di slittino e centra il titolo iridato nel singolo. Il diciannovenne carabiniere altoatesino, che molti paragonano al giovane Zoeggeler sia per qualità tecniche che per i risultati ottenuti in campo internazionale alla sua verde età, ha messo tutti in fila, disegnando traiettorie perfette sul catino di ghiaccio di Park City. Il campione dell’Arma ha preceduto il compagno di squadra, l’azzurro Emanuel Rieder, che ha chiuso al secondo posto con un distacco di 248 millesimi; il trionfo azzurro sarebbe stato un vero e proprio monopolio se il terzo italiano in gara, Kevin Fischnaller, fosse riuscito a limare quei 15 millesimi che lo hanno invece relegato al quarto posto, privandolo della medaglia di bronzo, andata poi all’austriaco David Gleirscher. L’oro iridato di Dominik Fischnaller arriva dopo che il carabiniere di Rio in Pusteria (Bz) aveva vinto un bronzo nel 2011 ad Oberhof e l’argento a Koenigssee l’anno scorso.

WORLD CUP (1): TRIPLETTA AZZURRA A LAKE PLACID. Trionfo azzurro nella Coppa del Mondo di slittino a Lake Placid (Usa), con Armin Zoeggeler che torna alla vittoria nel circuito iridato dopo quasi due anni e trascina con sé Dominik Fischnaller e David Mair a completare un podio tutto italiano. I tre fantastici protagonisti di questa impresa sportiva, tutti in forza al Centro Sportivo Carabinieri, hanno stracciato la concorrenza disegnando linee perfette sul catino ghiacciato della località montana statunitense che ospitò le Olimpiadi invernali del 1980. Se per il leggendario Zoeggeler si tratta del 55° trionfo in Coppa del Mondo – il 99° podio della carriera nel circuito che assegna l’ambita sfera di cristallo –, per Fischnaller, fresco campione del mondo juniores, quello di Lake Placid costituisce il secondo podio della stagione ed in assoluto il miglior risultato ottenuto nella sua giovane carriera. Il 20enne carabiniere di Bressanone era in testa dopo la prima manche, ma nella seconda discesa ha dovuto cedere la testa della classifica al ritorno prepotente del ritrovato “cannibale”, quello Zoeggeler che la pista di Lake Placid ha visto cinque volte vincitore. La gara perfetta per i colori azzurri e per gli slittinisti dell’Arma mette in evidenza anche un eccezionale Mair, che dopo anni di ottimi risultati in campo internazionale e 29 primavere sulle spalle, centra il primo podio della carriera in World Cup con un entusiasmante e meritatissimo terzo posto.

WORLD CUP (2): PODIO NEL DOPPIO CON OBERSTOLZ E GRUBER. A completare i successi azzurri nella tappa americana della World Cup c’è da segnalare anche il terzo posto nella gara di slittino doppio con Christian Oberstolz (Carabinieri) e Patrick Gruber (Esercito), battuti solo dai tedeschi Wendl/Artl e dagli austriaci Penz/Fischler, rispettivamente primi e secondi. Per Oberstolz, carabiniere di San Candido e pilota del doppio azzurro, si tratta del terzo podio della stagione e del cinquantunesimo in carriera, sempre in coppia con Gruber. Complimenti a questi due inossidabili campioni.

ATLETICA LEGGERA: OTTIMI RISULTATI PER GLI SPORTIVI DELL’ARMA. Anche quest’anno la città di Ancona ha ospitato il Campionato Italiano Assoluto Indoor di atletica, appuntamento d’obbligo della stagione, che ha radunato sul capoluogo marchigiano i migliori esponenti del panorama nazionale. Per gli atleti del Centro Sportivo Carabinieri si è trattato di un impegno molto importante, non solo per i titoli tricolori in palio, ma anche in vista degli imminenti Campionati Europei in programma a Goteborg, in Svezia. Gli atleti guidati dal Comandante di Sezione Ottaviano Iuliano hanno conseguito notevoli risultati. Giorgio Piantella ha vinto la medaglia d’oro e si è laureato campione italiano nel salto con l’asta, mentre Paolo Dal Soglio è salito sul secondo gradino del podio nel lancio del peso. Stesso metallo e stessa posizione per l’ostacolista Micol Cattaneo nei 60 metri ostacoli, così come per Camillo Kabore nel salto in lungo, categoria Promesse. Da sottolineare anche i buoni piazzamenti di Emanuele Sardano, 5° nel salto triplo, e Nicola Ciotti, 7° nel salto in alto. Con le prestazioni di Ancona, sia la Cattaneo che Piantella hanno conquistato la qualificazione per i già citati Europei di Goteborg.
 
DRESSAGE: UN PODIO OLANDESE PER VALENTINA TRUPPA. Dopo i quattro podi stagionali nelle prove di Coppa del Mondo di Lione e Stoccarda, Valentina Truppa ed Eremo del Castegno tornano sul podio iridato, chiudendo al terzo posto nella tappa olandese di Amsterdam. L’amazzone del Centro Sportivo Carabinieri ha concluso la sua prestazione nel Grand Prix con un punteggio percentuale di 74.894; meglio di lei hanno fatto soltanto l’olandese Adelinde Cornelissen su Parzival (82.191%) e la tedesca Helen Langehanenberg in sella a Damon Hill (81.660%), rispettivamente prima e seconda classificata.

Stefano Giommoni