Incontro con i Carabineros cileni

Dal 3 al 5 maggio, nel quadro delle attività organizzate per promuovere il ruolo internazionale dell’Arma, specie nell’ambito dei rapporti con analoghe Forze di Polizia a ordinamento militare, una delegazione dei Carabineros cileni guidata dal Generale Direttore Eduardo G. Gordon Valcàcel ha visitato alcuni reparti dell’Arma. Le due Istituzioni vantano uno storico rapporto di reciproca amicizia che risale agli inizi del XX secolo, allorché il Governo cileno dette vita appunto al Cuerpo de Carabineros de Chile sul modello dei Carabinieri italiani, cui furono chiesti anche istruttori per apprenderne le modalità addestrative. L’Arma mandò allora i marescialli maggiori Torquato Cremonesi e Felice Riva.

La visita ha toccato la Scuola Ufficiali che forma i futuri Comandanti ed è frequentata anche da personale appartenente a Istituzioni straniere; poi è stata la volta del Comando Generale, presente l’Ambasciatore cileno Godoy Arcaya, dove gli illustri ospiti sono stati ricevuti dal Comandante Generale, generale C.A. Leonardo Gallitelli, e dai vertici dello Stato Maggiore dell’Arma. Dopo la proiezione di un filmato sull’organizzazione dei Carabinieri, con particolare riguardo al Centro Addestramento Alpino di Selva di Val Gardena, la delegazione si è recata in Sala Operativa, per terminare quindi la visita nella prestigiosa Sala di Rappresentanza, ove è stata conferita al generale Valcàcel la Croce al Merito dell’Arma «per aver operato con straordinaria capacità e acuta lungimiranza» nel rafforzare i rapporti di collaborazione tra le due Forze di Polizia. Il Generale Direttore, a sua volta, ha affermato di ricevere l’onorificenza in nome degli oltre 45mila Carabineros cileni, aggiungendo che in Cile, «dove c’è un Carabinero, c’è ordine, c’è patria e per tutti i Carabinieri d’Italia ci sarà sempre… anche un amico».

La visita è proseguita ancora a Roma, al Comando Unità Mobili e Specializzate “Palidoro”, con riguardo all’8° Reggimento “Lazio”, al Raggruppamento Investigazioni Scientifiche e al 4° Reggimento a cavallo, e quindi a Napoli, al Comando Interregionale “Ogaden”, ultima tappa del viaggio italiano dei Carabineros.

V.P.