www.carabinieri.it

Eventi

Commemorazione del 63° Anniversario dall'eccidio delle Fosse Ardeatine
Roma ,  25/03/2007

Nella mattinata, presso la Caserma "Orlando De Tommaso", sede della Scuola Allievi Carabinieri di Roma, alla presenza del Comandante Generale dell'Arma Gianfrancesco SIAZZU, dei familiari dei Caduti, di una rappresentanza di Allievi Carabinieri, dell'Associazione Nazione Carabinieri, dell'O.N.A.O.M.A.C., del Co.Ce.R., di Carabinieri di ogni ordine e grado della Capitale, nonché dei vertici dell'Arma in servizio ed in congedo, si è svolta la cerimonia di commemorazione del 63° anniversario dell'eccidio delle Fosse Ardeatine, ove caddero per mano nazista 335 persone, di cui 12 Carabinieri.

Deposizione della corona da parte del Comandante Generale Gianfrancesco SiazzuIl Generale SIAZZU, dopo essere stato ricevuto dal Comandante delle Scuole, Generale Corrado BORRUSO, e dal Comandante della Scuola Allievi, Colonnello Sabino CAVALIERE, ha deposto una corona di alloro ai piedi della lapide su cui sono scolpiti i nomi dei dodici Eroi.

Un momento della cerimonia
Nella circostanza è stata data lettura di una breve sintesi dell'eccidio delle Fosse Ardeatine, che costituisce sicuramente l'evento più tragico verificatosi in Roma durante l'occupazione tedesca, avvenuta all'indomani dell'armistizio dell'8 settembre 1943. Il 24 marzo 1944, infatti, l'esercito occupante prelevò per rappresaglia 335 detenuti politici e li trasportò presso una cava di pozzolana sull'Ardeatina, ove si consumò il barbaro eccidio. Tra i caduti 12 carabinieri i quali, rifiutando ogni compromesso ed affrontando consapevolmente le incognite dell'avvenire, erano entrati a far parte del fronte clandestino di resistenza dei Carabinieri costituito nella Capitale durante l'occupazione tedesca.

Un momento della deposizione di fiori al Mausoleo delle Fosse ArdeatineLa cerimonia è proseguita con il saluto ai familiari dei Caduti e con la celebrazione della SS. Messa di suffragio.

Al termine, il Comandante Generale si è recato al Mausoleo Ardeatino dove, alla presenza del Capo dello Stato e delle più alte cariche Istituzionali, si è svolta analoga cerimonia di commemorazione.

I nomi dei nostri 12 caduti, che ci onoriamo di ricordare, sono: i Tenenti Colonnelli Giovanni FRIGNANI e Manfredi TALAMO, il Maggiore Ugo DE CAROLIS, il Capitano Raffaele AVERSA, i Tenenti Genserico FONTANA e Romeo Rodriguez PEREIRA, il Maresciallo Francesco PEPICELLI, i Brigadieri Candido MANCA e Geraldo SERGI, il corazziere Calcedonio GIORDANO, i Carabinieri Augusto RENZINI e Gaetano FORTE