AMBIENTE
AUTOSCONTRO CON I SELVATICI: CHE FARE?
01/05/2018


Cinghiale, segnale di pericolo (orizzontale)Sempre più numerosi, sempre più prossimi alle aree antropizzate e urbane, sempre più spregiudicati: sono gli animali selvatici, ungulati ma non solo, il cui incontro con l’uomo spesso si tramuta in malaugurato scontro. Sì: incidenti tra veicoli e animali che scorribandano per le strade mettendo in pericolo la nostra incolumità, oltre che la loro. Nel gennaio scorso, in Toscana, a Pistoia, un treno regionale è rimasto bloccato per ore dopo aver travolto alcuni cinghiali sui binari. Tanta paura, gli animali sono morti ma tra i passeggeri non si sono registrati feriti. In caso di coinvolgimento di autovetture o altri mezzi non sempre va altrettanto bene.

Che fare in questi casi? Per prima cosa allertare il 112 o la polizia stradale per eventuali rilievi, il 118 in presenza di feriti o peggio, ma anche il servizio veterinario dell’azienda sanitaria di zona per l’animale. In attesa del loro arrivo, è consigliabile documentare fotograficamente il teatro dell’incidente. Questo perché il danno riportato in un sinistro con animale selvatico è risarcibile, come ribadito con sentenze di Cassazione anche nel 2017 (n. 11210). Garanti per queste fattispecie sono in parte l’ente proprietario della strada (chiamato a responsabilità dall’articolo 2051 del codice civile), ma soprattutto chi ha titolarità sulla gestione della fauna selvatica, di solito le Regioni che però possono delegare il compito alle Province.