www.carabinieri.it

News

Il Presidente Mattarella consegna il tricolore ai portabandiera olimpici e paralimpici
Comando Generale Arma Carabinieri - Centro Sportivo, 23/06/2021 13:31
Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha incontrato oggi al Quirinale, insieme alle numerose autorità istituzionali intervenute, la Squadra Italiana in partenza per i Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo 2020. Alla consueta cerimonia che alla vigilia di ogni edizione olimpica vede il Capo dello Stato consegnare il tricolore al portabandiera azzurro, ha preso parte una rappresentativa di circa 200 elementi tra atleti, tecnici e dirigenti delle squadre olimpiche e paralimpiche guidati dal Presidente del CONI, Giovanni Malagò, e dal Presidente del Comitato Italiano Paralimpico, Luca Pancalli. Tra loro anche una parziale componente dell’intero contingente di atleti del Centro Sportivo Carabinieri che saranno presenti ai Giochi. Accompagnati dal Comandante del reparto atletico dell’Arma Col. Gianni Massimo Cuneo, sono stati 13 i campioni rosso blu chiamati al cospetto del Capo dello Stato: il karateka Luigi Busà, gli schermidori Rossella Fiamingo ed Enrico Garozzo, i canoisti Giovanni De Gennaro e Marta Bertoncelli, la pentatleta Elena Micheli, la saltatrice con l’asta Roberta Bruni, i canottieri Stefania Gobbi, Aisha Racek e Stefano Oppo, la triatleta Angelica Olmo, la boxer Giordana Sorrentino ed infine il taekwondoka Vito Dell’Aquila.
Dopo aver consegnato il tricolore alla doppia coppia di alfieri azzurri, quella composta dalla tiratrice Jessica Rossi e dal ciclista Elia Viviani per il contingente olimpico, e l’altra dei due portabandiera paralimpici,  la fiorettista Bebe Vio e il nuotatore Federico Morlacchiil, il Capo dello Stato ha voluto sottolineare quanto, mai come in questa occasione, il messaggio di pace, fraternità, universalità che le olimpiadi esprimono da sempre, si arricchisca del senso responsabilità e di speranza per tutti. Proprio attraverso lo sport, quella delle Olimpiadi dovrà essere la definitiva ripartenza dopo il dramma mondiale che ha afflitto l’intero pianeta in un anno e mezzo di pandemia. 
“Voi rappresenterete l’Italia ma insieme agli altri atleti di tutto il mondo, sarete portatori di un messaggio di speranza da diffondere universalmente” – ha affermato Mattarella – “Lo sport deve essere per tutti occasione di amicizia, solidarietà e crescita”. Dopo aver dedicato un pensiero affettuoso e speciale per Alex Zanardi, vero faro dello sport paralimpico e supremo esempio di forza e resilienza, il Capo dello Stato ha salutato i campioni azzurri augurando loro di riuscire a far risuonare più volte possibile l’Inno di Mameli sui podi delle tante gare olimpiche di Tokyo 2020.