www.carabinieri.it

News

PENTATHLON MODERNO - CAMPIONATI EUROPEI SENIOR - RICCARDO DE LUCA VINCE LA MEDAGLIA DI BRONZO
Comando Generale Arma Carabinieri - Centro Sportivo, 22/08/2015 10:10
Bath (GBR) - Si è svolta oggi a Bath, in Inghilterra, la finale maschile del Campionato Europeo Senior di pentathlon moderno, gara obiettivo della stagione per tutti i pentatleti europei in quanto prova di qualificazione per i Giochi Olimpici di Rio 2016 con 8 pass per i primi 8 classificati. Sono approdati alle finale di oggi gli azzurri Riccardo De Luca (Centro Sportivo Carabinieri), Fabio Prodighe (Sport Full Time Sassari) e Nicola Benedetti (Forestale); si è fermato invece nella semifinale di giovedì il quarto azzurro in gara, Auro Franceschini (Carabinieri), incappato in una giornata decisamente negativa. A lasciare il segno più significativo è stato ancora una volta De Luca, atleta già qualificato per Rio 2016 in virtù della vittoria nella finale di Coppa del Mondo di Minsk a metà giugno; il pentatleta romano dei Carabinieri ha conquistato una fantastica medaglia di bronzo al termine di una gara combattutissima fino all’ultimo metro con sette pentatleti, tra cui De Luca, a giocarsi le medaglie racchiusi in soli 7 secondi. L’oro è andato all’outsider irlandese Arthur Lanigan-O Keffe che ha chiuso con 1487 punti davanti al francese Valentin Prades, argento con 1476; dietro di lui, ad solo un secondo di distacco, appunto De Luca (1475), bravo a rintuzzare l’attacco al podio del campione olimpico David Svoboda (CZE), quarto sul traguardo con un gap di un solo punto dall’azzurro. Per De Luca si tratta della seconda medaglia individuale della carriera dopo lo storico oro, unico nella storia del pentathlon tricolore, vinto nel 2012 a Sofia. Con il bronzo di oggi De Luca risulta anche essere l’unico pentatleta italiano di sempre a bissare un podio individuale in campo continentale.
La gara del campione azzurro era iniziata in salita con il 31° posto nella prova di nuoto; Riccardo riusciva poi però a risalire di ben 14 posizioni nella scherma, e migliorava ancora la sua classifica provvisoria dopo l’equitazione fino alla 12^ piazza provvisoria con un percorso netto sugli ostacoli e con un solo punto di penalità sul tempo (299 punti su 300). Nella prova conclusiva di combined corsa/tiro di cui l’azzurro detiene il record del mondo, De Luca confermava le grandi qualità di cecchino/corridore stabilindo il miglior tempo con 10’51”69 e recuperdo ancora 9 posizioni fino all’ambito terzo posto. 
Molto più incolore invece la gara degli altri due azzurri con Poddighe al 24° posto (1406) e Benedetti addirittura 28° con 1399 punti. Al termine della sua impresa, De Luca ha voluto esprimere la sua immensa gioia nel vedersi ancora ai vertici nella gara clou della stagione: “sono soddisfatto di aver colto un risultato così importante nella competizione che fin dall’inizio della stagione rappresentava l’obiettivo prioritario per me e per tutto lo staff tecnico federale - ha precisato il pentatleta dell’Arma -  ho voluto fortemente gareggiare in questo europeo proprio per testare le mie condizioni e avere conferma della bontà del lavoro svolto finora ad un anno dai Giochi. Anche se a mente fredda un po’ amaro in bocca rimane per un oro  che oggi non era poi così lontano, con la qualifica olimpica in tasca e la consolidata sicurezza nei miei mezzi, posso ora programmare al meglio l’avvicinamento all’appuntamento olimpico da qui ad un anno. Fortunatamente - ha concluso De Luca - tutto sta funzionando al meglio in vista delle Olimpiadi e posso permettermi di contare di fare qualcosa di importante a Rio de Janeiro fra 12 mesi”.
Il titolo a squadre è andato invece alla Francia di Prades, Belaud e Patte che con 4384 punti sono riusciti a soffiare l’oro alla Russia del campione del mondo Lesun, di Frolov e Puchkerevskiy (4354); il bronzo è finito nelle mani della Repubblica Ceca dell’oro di Londra 2012 Svoboda insieme a Kuf e Poliva (4348); l’Italia priva di Franceschini ha chiuso purtroppo solo in 9^ piazza con 3974.