www.carabinieri.it

News

SCHERMA - CAMPIONATI DEL MONDO - ARIANNA ERRIGO ANCORA SUL PODIO MONDIALE SALVA IL FIORETTO AZZURRO
Comando Generale Arma Carabinieri - Centro Sportivo, 16/07/2015 11:38
Mosca (RUS) - Non è riuscita a centrare il triplete iridato oggi sulle pedane dell'Olimpiyskiy Stadium di Mosca l'azzurra Arianna Errigo impegnata nella prova individuale di fioretto ai mondiali 2015 ma è comunque salita sul podio con un più che onorevole terzo posto. La fiorettista dei Carabinieri, campionessa mondiale uscente e vincitrice del titolo anche nel 2013 inseguiva un'impresa a dir poco storica, mai riuscita a nessun atleta finora, il terzo oro mondiale consecutivo. A sbarrarle la strada e a privarla di un così eccezionale risultato è stata la temibile atleta russa Inna Deriglazova che in semifinale l'ha battuta col punteggio di 15-13 al termine di un assalto estremamente equilibrato macchiato anche da almeno un paio di dubbie decisioni arbitrali che hanno purtroppo giocato a sfavore della portacolori azzurra. La Errigo, numero uno del ranking mondiale, argento olimpico a Londra 2012 e bronzo europeo a Montreux quest'anno, è apparsa non in perfetta forma fisica in un assalto di semifinale in cui la sua consueta freschezza atletica che si traduce sempre in una scherma spumeggiante e molto aggressiva è sembrata mancare e togliere efficacia e cattiveria alle azioni della carabiniere brianzola; questa condizione non al top è sicuramente il risultato della toxoplasmosi che ha colpito in primavera la campionessa azzurra e che l'ha debilitata a lungo nel cammino fino a questo campionato del mondo e che l'aveva costretta a saltare anche i campionati italiani assoluti in cerca proprio della condizione migliore. La sua avversaria ha approfittato benissimo di questa situazione e stoccata dopo stoccata ha acquisito la sicurezza e la forza per battere la fortissima azzurra, numero uno del ranking mondiale FIE e aprirsi la strada verso la finale per l’oro. vinta poi proprio dalla Deriglazova nel derby russo contro la compagna Aida Shanaeva per 15 a 11. La seconda medaglia di bronzo è andata alla sorprendente statunitense Nzingha Prescod, sconfitta agevolmente dalla Shanaeva in semifinale per 15 a 7.
La gara della Errigo era cominciata nei tabellone dei 64 contro la cinese Liu Yongshi, annientata con il punteggio di 15 -4; nei turno successivo era toccato alla francese Pauline Ranvier cedere il passo alla fuoriclasse dell’Arma cedendo per 15 a 10; negli ottavi, turno micidiale per le altre tre azzurre in gara Valentina Vezzali, Elisa Di Francisca e Martina Batini, tutte e tre prematuramente uscite di scena, Arianna proseguiva la sua corsa verso le medaglie battendo la statunitense Sabrina Massialas ancora con un punteggio schiacciante, 15 a 4. L'ultimo step prima della sicurezza del podio, Arianna l'ha affrontato contro la fiorettista di casa, la russa Larisa Korobeynikova, superata per 15 a 10.
Con questo bronzo la Errigo mantiene a galla l'Italia in una giornata sfortunata per il nostro fioretto, una giornata che ha visto anche i maschi non andare oltre gli ottavi con Daniele Garozzo 11°, Andrea Cassarà sofferente per un epicondilite 18°, Edoardo Luperi 22° e Giorgio Avola 23°; Arianna conquista la sua quinta medaglia mondiale individuale in sei edizioni disputate dal 2009, quando era ancora giovanissima, ad oggi.
Il risultato odierno proietta in avanti la fiorettista lombarda anche in chiave qualificazione olimpica, qualificazione che sarà molto tirata fino alla fine del periodo valido per il ranking (marzo 2016) e che sancirà i due nomi delle due italiane che rappresenteranno il nostro paese a Rio 2016; considerato che oggi le altre azzurre, dirette concorrenti di Arianna, hanno commesso un passo falso arrendendosi due turni prima di lei, la delusione per il mancato tris iridato si addolcisce e la fa sorridere in vista dei prossimi impegni sulla strada per quella che sarebbe la sua seconda olimpiade.