www.carabinieri.it

News

Sci Nordico - Campionati del Mondo - Di Centa dà l'addio alla Nazionale nel suo ultimo Campionato del Mondo
Comando Generale Arma Carabinieri - Centro Sportivo, 01/03/2015 10:39
Falun (SWE) - Giorgio Di Centa si appresta ad affrontare quella che sarà la sua ultima gara di alto livello della carriera, la 50 Km a tecnica classica in programma domani ai campionati del mondo di Falun, in Svezia.
Nella distanza che gli regalò il titolo olimpico ai Giochi Invernali di Torino 2006, il fondista del Centro Sportivo Carabinieri, cercherà di competere comunque con i primi fino agli ultimi chilometri, quando la gara entrerà nel vivo e delineerà le posizioni di testa. Alla veneranda età di 42 anni, il campione friulano ha ancora l'entusiasmo delle prime esperienze con la Nazionale, datate ormai 1993 e la voglia di onorare ancora una volta quella maglia azzurra che tanto gli ha regalato in termini di vittorie e traguardi sportivi è sempre grandissima. 
Nella sua meravigliosa carriera internazionale cominciata ventuno anni fa nella Coppa del Mondo a Santa Caterina Valfurva, il carabiniere di Tolmezzo ha vinto 2 ori  (Torino 50 Km e Staffetta 4x10 Km) e un argento olimpici (Salt Lake 2002 in staffetta) in quattro edizioni dei Giochi, un argento (Oberstdorf 2005) e un bronzo individuale (Libarec 2009) e ancora due bronzi a staffetta in dieci partecipazioni mondiali nonchè 27 podi in Coppa del Mondo su oltre 300 partecipazioni, dove ha ottenuto un 5° posto nella graduatoria finale nel 2008 come miglior piazzamento della carriera.
"E' arrivato il momento di smettere - ha commentato così Di Centa in questo momento cruciale della sua carriera e alla vigilia della sua ultima entrata in scena con la maglia azzurra - sapevo che prima o poi sarebbe arrivato. Lascio con la consapevolezza di avere dato tanto a questo sport e di avere ricevuto ancora di più. Sono sereno, la gara sarà durissima ma sono pronto" .
In bocca al lupo campione; lo sport azzurro non può far altro che ringraziare un atleta del tuo calibro e augurarsi di trovare presto un tuo degno successore che sappia riportare presto il fondo tricolore ai vertici mondiali.