www.carabinieri.it

Comunicati Stampa

Il fiuto di 'Gero' scova mezzo etto di cocaina
Comando Provinciale di Avellino - Serino (AV), 17/02/2019 09:21
Credeva che occultando la droga nel box di alloggiamento dei contatori della corrente elettrica dell’area pic-nic, potesse consentirgli di sottrarsi alle proprie responsabilità. Ma non aveva fatto i conti con l’infallibile fiuto del cane antidroga “Gero”, giunto dal Nucleo Cinofili Carabinieri di Sarno in ausilio ai militari della Stazione di Serino, i quali hanno eseguito numerose perquisizioni e tratto in arresto un 43enne di Santa Lucia di Serino, ritenuto responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

A seguito di una corposa attività informativa, i Carabinieri della Stazione di Serino hanno individuato nel soggetto un possibile obiettivo di interesse nella lotta alla droga. Quando i Carabinieri hanno bussato alla porta della sua abitazione, l’uomo ha ostentato sicurezza. Ma la sua tattica non ha funzionato poiché i militari, ultimata la perquisizione domiciliare che sortiva esito negativo, decidevano di estendere l’attività di polizia giudiziaria anche presso l’area pic-nic di cui lo stesso aveva la disponibilità: era infatti in possesso delle chiavi del lucchetto posto a chiusura del cancello.

Entrati nel fondo, i due cani antidroga fiutavano ovunque e dopo pochi minuti “Gero” scopriva il nascondiglio dov’era occultato lo stupefacente: circa 50 grammi di cocaina nascosti in un’intercapedine della nicchia in muratura dei contatori dell’energia elettrica.

Il 43enne, inchiodato alle proprie responsabilità da tutte le evidenze raccolte, è stato quindi dichiarato in stato di arresto e, su disposizione della Procura della Repubblica di Avellino, sottoposto agli arresti domiciliari. La droga è stata sottoposta a sequestro unitamente ad un bilancino elettronico ed altro materiale utile per il confezionamento delle dosi, rinvenuto all’interno di un immobile insistente nella medesima area pic-nic, nonché alla somma di 135 euro, probabile provento dell’illecita attività di spaccio.