www.carabinieri.it

Appuntamenti

“Il programma europeo “Life” e l’Arma dei Carabinieri Incontro con l’Unità Life della Commissione Europea
Roma, 24/01/2018
44f50f21-e406-4aa6-8557-0dec3672404a 5841d759-70ee-440e-b148-257b77803a96 ddf1ce3e-d82c-4a45-9de4-cfe296e4b72f
ca5e002f-3a2a-4d5b-b87e-40563a8e17f4

Mercoledì 24 gennaio nella sede del Comando Politiche Agricole dei Carabinieri, si terrà una giornata di studio dedicata al programma europeo LIFE in collaborazione con l’Arma dei Carabinieri e alla presentazione di un programma di monitoraggio e di divulgazione nella “Rete Natura 2000”, un insieme di oltre duemila aree naturalistiche distribuite in tutta Europa.

La giornata rappresenta un’ottima opportunità di scambio di informazioni tra i rappresentanti della Commissione Europea Angelo Salsi e Marco Cipriani e l’Arma dei Carabinieri con i suoi 28 Reparti Biodiversità e i Comandi Territoriali Ambientali Carabinieri dei Parchi Nazionali.

Il programma europeo LIFE rappresenta un fondamentale strumento finanziario che consente di impostare innovativi interventi di conservazione anche negli oltre 100 siti di Rete Natura 2000 gestiti dall’Arma.

I vertici del Comando Tutela Forestale e Ambientale dei Carabinieri, Generali di Corpo d’Armata Antonio Ricciardi e di Divisione Davide De Laurentis aperiranno i lavori, mentre il Colonnello Raffaele Manicone (Comandante del Raggruppamento Biodiversità, Roma) e il Ten. Col. Giancarlo Papitto (Capo Ufficio Studi e Progetti) illustreranno rispettivamente i progetti LIFE nelle 130 riserve gestite e i nuovi progetti presentati nell’ultima “call” LIFE 2017.

LIFE ha permesso in tutti questi anni all’Arma di svolgere progetti innovativi come, ad esempio, il progetto di Citizen Science (scienza per i cittadini) per il monitoraggio del Cervo volante, una specie nota a tutti ed essenziale per la conservazione delle foreste, con una “APP” per smathphone scaricabile gratuitamente dal sito dei carabinieri www.lifemipp.eu come anche progetti più “classici” per la conservazione di Habitat e di specie protette dalla Direttiva Habitat.

Piero Genovesi, responsabile Area Conservazione dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA), illustrerà il progetto Life ASAP sulle specie esotiche invasive, che sono le principali responsabili della perdita di biodiversità in Europa.

Nel “Coffe corner” i partecipanti avranno l’opportunità svolgere incontri bilaterali con il dirigente della Commissione UE Angelo Salsi per la discussione di argomenti puntuali, tecnici, scientifici, amministrativi e regolamentari sul programma Life.

La giornata, moderata dal Colonnello Mason responsabile del Centro Nazionale Biodiversità Carabinieri di Verona, sarà anche l’occasione di presentazione del nuovo programma “Promozione della Rete Natura 2000 e il monitoraggio a scala nazionale di specie di insetti protetti” (InNAT).

InNAT è un programma nazionale svolto in collaborazione tra il Ministero Ambiente, rappresentato dal Dirigente Antonio Maturani, l’Arma dei Carabinieri e il Consiglio per la Ricerca in Agricoltura (Difesa e conservazione di Firenze, Direttore Pio Roversi) i cui ricercatori lavoreranno nei laboratori del Centro Nazionale Biodiversità dei Carabinieri di Mantova e Verona. Il programma prevede una intensa campagna di divulgazione con 40 interventi, negli istituti scolastici in tutte le Regioni e Province Autonome italiane per far conoscere al grande pubblico la Rete Natura 2000. Nei siti di Natura 2000, l’Arma prevede di sviluppare i monitoraggi della conservazione delle specie protette e degli Habitat naturali previsti dalla direttiva  europea “Habitat”. Il programma avrà lo scopo di sviluppare nei cittadini la presa di coscienza dell’esistenza e opportunità offerte della Reta Natura 2000, una delle più estese reti di conservazione esistenti al mondo, non ancora nota a tutti.