Menu
Mostra menu
AMBIENTE
PROTEGGERE LE PIANTE PER DIFENDERE LA VITA
23/04/2020
di Stella De Franciscis

L'ONU ha proclamato il 2020 Anno Internazionale della Salute delle piante, per ricordare l'importanza del verde sia per l'uomo sia per il Pianeta

FOTO A1

Aumentare la consapevolezza globale sulla salute delle piante per porre fine alla fame nel mondo, ridurre la povertà, tutelare l'ambiente e dare impulso allo sviluppo economico. Sono queste le tematiche degli eventi che caratterizzeranno il 2020, proclamato dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, "Anno internazionale della salute delle piante".

La comunità internazionale vuole porre l’accento sull'importanza dei vegetali e sulla loro salute per la sicurezza alimentare, l'approvvigionamento delle materie prime, la biodiversità e i diversi servizi forniti dagli ecosistemi agricoli, forestali e acquatici del Pianeta.

Nell'ambito dell’International Year of Plant Health (IYPH) la salute dei vegetali è definita come la disciplina in cui sono fissate e attuate le misure destinate alla lotta contro gli organismi nocivi, al fine di evitare la loro diffusione in nuove aree.

I vegetali sono parte integrante della biodiversità e sono indispensabili alla vita sulla Terra, in particolare per la produzione di ossigeno e per il cibo che forniscono. Oltre l'80% del cibo consumato dall'uomo è di origine vegetale. La salute delle piante è quindi il presupposto per garantire risorse sane a livello alimentare, basate su ecosistemi sostenibili.

FOTO B (3)L’AGRICOLTURA

Ogni anno fino al 40% delle coltivazioni mondiali viene distrutto da malattie e parassiti, con conseguenti perdite commerciali oltre i 220 miliardi di dollari. Milioni di persone sono ridotte alla fame a causa dei gravissimi danni all'agricoltura, principale fonte di reddito per le comunità rurali più povere. Per questo motivo le politiche e gli interventi per promuovere la salute delle piante sono fondamentali per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile. "Le piante sono alla base della vita sulla Terra e il pilastro più importante della nutrizione umana. Ma non possiamo dare per scontato che le piante godano di buona salute", ha detto il Direttore Generale della FAO Qu Dongyu, a margine della riunione del Consiglio dell'Agenzia delle Nazioni Unite.

FOTO D (5)LA RIDUZIONE DI BIODIVERSITÁ

Il cambiamento climatico e le attività umane stanno alterando gli ecosistemi, riducendo la biodiversità e creando condizioni ideali per lo sviluppo di parassiti. Allo stesso tempo, nell'ultimo decennio il volume dei viaggi e del commercio internazionale è triplicato diffondendo rapidamente malattie e parassiti in tutto il mondo, causando gravi danni alle piante autoctone e all'ambiente. "Come per la salute umana o animale, anche per le piante prevenire è meglio che curare", ha sottolineato il Direttore della FAO.

Spesso le malattie e i parassiti delle piante sono impossibili da debellare e la loro gestione è lunga e costosa. In ogni caso proteggere è molto più economico che affrontare emergenze fitosanitarie. Prevenendo la diffusione e l'introduzione di parassiti in nuove aree, i governi, gli agricoltori e gli altri attori della filiera alimentare, potrebbero risparmiare miliardi di dollari e garantire l'accesso ad alimenti di qualità. Mantenere le piante o i prodotti vegetali liberi da malattie agevolerebbe il commercio e garantirebbe l'accesso ai mercati, soprattutto ai Paesi in via di sviluppo. A tal fine è importante rafforzare il rispetto delle norme e degli standard fitosanitari internazionali. Nella lotta contro le malattie e i parassiti, gli agricoltori dovrebbero adottare metodi rispettosi dell'ambiente, come la gestione integrata, per mantenere le piante in buona salute e al contempo tutelare l'ambiente. Si dovrebbe inoltre investire di più in ricerca e divulgazione in materia fitosanitaria e in tecniche e tecnologie innovative.

GLI OBIETTIVI

La FAO e la Convenzione Internazionale per la Protezione delle Piante (IPPC) guideranno le attività finalizzate alla salvaguardia della salute delle piante, impegnandosi sulla prevenzione, la  tutela e il ruolo che ognuno di noi può svolgere in questa battaglia. Anche nel quotidiano possiamo fare la nostra parte, ad esempio prestando attenzione quando viaggiamo con piante e prodotti vegetali, ma anche a ordinarle online o attraverso il servizio postale, poiché i pacchi possono facilmente eludere i controlli fitosanitari. Gli obiettivi principali individuati dall’IYPH sono:

  • Sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza delle piante sane per raggiungere l’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile;
  • evidenziare gli effetti della salute delle piante sulla sicurezza alimentare e sulle funzioni degli ecosistemi;
  • condividere le migliori pratiche su come mantenere le piante in buona salute tutelando al tempo stesso l’ambiente.

Per maggiori informazioni consultare il sito

https://www.politicheagricole.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/14538

UNA MONETA CELEBRATIVA

Nella Collezione Numismatica 2020 è stata inserita la moneta, fior di conio e fondo specchio, del valore nominale di 5 euro, che celebra l'Anno Internazionale della Salute delle piante, realizzata dal maestro incisore Uliana Pernazza. Fa parte della nuova serie dedicata alla sostenibilità ed è stata realizzata su proposta del Servizio Fitosanitario Nazionale.