Menu
Mostra menu
 
GIORNATA OASI E RISERVAMICA IN 230 PARCHI E RISERVE ITALIANI
01/09/2017


Fenicotteri rosaLa tradizionale Giornata delle Oasi WWF si è festeggiata assieme alla quinta edizione di RiservAmica domenica 21 maggio, grazie al recente accordo tra l’associazione ambientalista e l’Arma dei Carabinieri: i due enti complessivamente proteggono oltre 200 oasi, parchi e riserve che per l’occasione hanno aperto le porte a numerosi visitatori.

FOTO E
FOTO D
Dai fenicotteri nella Laguna di Orbetello al cervo sardo nella foresta di Monte Arcosu, in Sardegna, ai grifoni della Riserva di Monte Velino, all’orso marsicano della Riserva Feudo Intramonti in Abruzzo, alla lince e all’aquila reale nella Foresta di Tarvisio, alla lontra nella Riserva di Metaponto: questi i tesori custoditi dal nostro territorio.

Eventi, giochi e animazioni hanno preceduto la Giornata Mondiale della Biodiversità, lunedì 22 maggio, indetta dall’Onu per sottolineare l’importanza della difesa della ricchezza della vita sulla Terra. Circa 13 milioni di specie abitano sul nostro Pianeta, anche se quelle conosciute sono soltanto 2 milioni, in gran parte insetti. Secondo le Nazioni Unite il loro numero, tra il 1970 e il 2000, è diminuito del 40%. Inoltre, la metà della superficie della Terra è stata trasformata in suolo per attività umane. Questo, unito al cambiamento climatico e all’invasione delle cosiddette specie aliene, rappresenta una grave minaccia per la vita vegetale e animale.

L’Italia resta comunque campione di biodiversità: ponte straordinario nel Mediterraneo tra Africa e Europa, la sua fauna conta oltre 58.000 specie con numerose varietà endemiche, dal camoscio appenninico alla salamandrina dagli occhiali. Una varietà enorme anche per la vegetazione, con 8.100 specie di piante autoctone di cui 1.460 endemiche, l’Italia vanta il più alto numero di specie vegetali d’Europa. Questo immenso patrimonio è però costantemente a rischio: l’Italia è infatti ancora trappola per 8 milioni di uccelli migratori, circa 30 aree sono ancora terreno pericoloso a causa del bracconaggio che minaccia i rapaci e i grandi simboli del nostro Paese come il lupo, l’orso e l’aquila.

Circa il 60% della biodiversità è custodita all’interno delle Riserve Naturali dello Stato gestite dall’Arma dei Carabinieri.