Menu
Mostra menu
OMNIBUS a cura di Annalisa Maiorano
Omnibus N° 122
28/06/2021


LA SIEPE MANGIASMOG

FOTO A - SIEPERiesce ad assorbire il 20% di inquinamento stradale in più di qualsiasi altra pianta antismog e dà il meglio proprio sulle vie più trafficate, dove le concentrazioni di inquinanti sono maggiori. Parliamo del cotognastro, chiamata la siepe dei record. Sono queste le proprietà della Cotoneaster franchetii messe in luce dalla Royal Horticultural Society britannica, in una ricerca che ha scandagliato una serie di soluzioni basate sulla natura per migliorare la qualità dell’aria in ambienti urbani e dove si concentrano i flussi veicolari più corposi. Meglio noto come Cotonastro di Franchet, questo arbusto sempreverde originario del sud-est asiatico può essere facilmente impiegato come siepe a bordo strada. In soli sette giorni una siepe densa (un metro di lunghezza) ben gestita sarebbe in grado di assorbire la stessa quantità di inquinamento che un’auto emette durante un viaggio di 800 chilometri.

 

LE STELLE MARINE ANNEGANO

FOTO B - STELLA MARINAUna misteriosa malattia, chronic wasting disease, sta decimando le popolazioni di stella marina di tutto il mondo. Alcune specie sono sull’orlo dell’estinzione. Una ricerca condotta dalla Cornell University ipotizza che questa patologia causi alle stelle marine serie difficoltà respiratorie, facendole letteralmente “annegare” nel loro stesso ambiente. L’elevata attività microbica derivante dall’abbondante materia organica e dalle calde temperature dell’oceano spinge i batteri a prosperare privando queste meravigliose creature dell’ossigeno. I batteri consumano la materia organica, esauriscono l’acqua e creano un microambiente a basso contenuto di ossigeno, portando alla torsione e all’arricciamento degli arti. Da qui deriverebbe anche lo sgonfiamento e lo scolorimento delle piccole creature marine.

 

PIANTA RARISSIMA RITROVATA IN BRASILE

fiore-riscoperto-brasileUna pianta che sembrava essersi estinta da quasi 40 anni è stata ritrovata in Brasile. Si tratta della Pleroma hirsutissimum, caratterizzata da un bel fiore viola. La scoperta è stata fatta da un team di esperti ricercatori di piante endemiche appartenente al Piano d’Azione Nazionale per la conservazione della flora endemica minacciata di estinzione nello stato di Rio de Janeiro (PAN Flora Endemic to Rio de Janeiro). Dopo una serie di spedizioni, i botanici sono riusciti ad individuare la Pleroma hirsutissimum a Costa do Sol State Park, Cabo Frio. L’obiettivo delle ricerche era appunto il ritrovamento di specie endemiche al fine di raccogliere i loro semi e produrre piantine di specie native dello Stato brasiliano per proteggerle dall’estinzione. Secondo il Libro Rosso della flora endemica di Rio de Janeiro (2018) la sua ultima raccolta era stata registrata nel lontano 1982.