Menu
Mostra menu
OMNIBUS a cura di Annalisa Maiorano
Omnibus N° 120
20/02/2021


UN LICHENE RARO

FOTO A LICHENETrovato nella tenuta di San Rossore a Pisa un lichene molto raro grazie alla ricerca condotta dal biologo Paolo Pasquinelli insieme a Fabrizio Puccini, entrambi appartenenti al Gruppo micologico livornese. Si tratta della Lobaria pulmonaria che, a causa dell'inquinamento, delle variazioni climatiche e della proliferazione di piante aliene, rischia l'estinzione specialmente nelle zone costiere italiane. L'indagine ha riguardato circa 200 ettari di bosco. Comunemente conosciuto come “lichene polmonario” nell'antichità era utilizzato in erboristeria come antinfiammatorio. Questo lichene folioso che cresce sulla corteccia degli alberi, è formato da un fungo ascomicete in simbiosi con un'alga verde e un cianobatterio. Si presenta di color grigio-bruno quando asciutto e verde brillante in condizioni di umidità. La sua presenza, dato il rischio di scomparsa, ha interessato il Museo Orto Botanico dell'Università di Pisa che ne ha inserito un campione nella collezione dell'erbario.

 

IL PANE DELLA SALUTE

FOTO BUn team di ricercatori dell’Università di Pisa e Torino ha realizzato quello che già viene chiamato il “pane della salute”. Per ottenerlo sono stati utilizzati ingredienti speciali come superlieviti e farine di grani particolari, anche blu, per arrivare a un prodotto finale non solo buono ma anche sano. La crescente domanda di questi prodotti da forno sani ha stimolato diversi studi sul microbioma e sui benefici del lievito naturale per il nostro organismo. I ricercatori sono riusciti ad individuare 39 super lieviti su 139 diversi ceppi analizzati. Gli speciali super lieviti sono stati uniti a farine altrettanto speciali come quella di farro, di orzo, a seme giallo ricca in carotenoidi e una a seme blu ricca in antocianine. Nello specifico la farina di orzo senza buccia avrebbe mostrato la più alta attività antiossidante e un contenuto di acidi fenolici significativamente superiore rispetto alle altre cultivar, ad eccezione di quella del grano blu. Combinando tutti i risultati, attraverso un’analisi dei vari impasti fermentati con i diversi lieviti, i ricercatori hanno identificato i 2 ceppi più performanti. Questo testimonia l’importanza di selezionare ceppi specifici per ogni farina, dato che ognuna è caratterizzata da tratti biochimici e qualitativi differenti. Per ognuna delle cinque farine, dunque, sono stati selezionati i 2 migliori lieviti ed è venuta fuori la ricetta perfetta del pane della salute.

 

LA BARRIERA CORALLINA COLPITA DAI CAMBIAMENTI CLIMATICI

FOTO C BARRIERA CORALLINALa Grande Barriera Corallina ha perso più del 50% dei suoi coralli negli ultimi venticinque anni e la colpa è della crisi climatica. A rivelarlo sono i ricercatori dell’ARC Center of Excellence for Coral Reef Studies(CoralCoE) che da tempo studiano l’ecosistema marino. Il team ha scoperto che le dimensioni delle colonie dei coralli sono molto cambiate nel lasso di tempo che va dal 1995 al 2017, e ciò è dovuto principalmente ai cambiamenti climatici che stanno distruggendo l’ecosistema. I risultati mostrano un significativo impoverimento. I coralli ramificati sono strutture importanti per i pesci che abitano la barriera corallina, la loro perdita è quindi devastante per l’ecosistema perché influisce sull’abbondanza e la produttività degli animali marini. I risultati della ricerca mostrano che la capacità di recupero della Grande Barriera Corallina è compromessa rispetto al passato proprio per la scarsa presenza di coralli grandi e piccoli.