Menu
Mostra menu
OMNIBUS a cura di Annalisa Maiorano
FORESTE CIRCOLARI
08/01/2020


Foreste circolari lavorataLa strana forma assunta da due boschi in Giappone, denominata “La misteriosa foresta di alberi circolari” non è frutto di un’invasione aliena, ma un’opera dell’uomo, grazie ad una sperimentazione avviata all’inizio degli anni Settanta, per capire come la disposizione dei fusti sia in grado di influenzare la crescita delle piante. A renderlo noto è il Ministero dell’agricoltura, delle foreste e della pesca giapponese, che in una nota ha spiegato come la formazione naturale sia stata creata nel 1973 nell’ambito di un progetto definito di “Silvicoltura sperimentale”. I ricercatori piantarono gli alberi, allora molto piccoli, con incrementi radiali di 10 gradi, per formare complessivamente 10 cerchi concentrici. Il risultato della sperimentazione è oggi perfettamente osservabile su Google Maps ed è decisamente spettacolare. L’aspetto più interessante dell’esperimento riguarda proprio l’osservazione di come gli alberi siano cresciuti con forma convessa e in modo differente rispetto agli organismi limitrofi, meno ordinati e maggiormente irregolari. Le due foreste circolari, secondo i piani del progetto iniziale, dovrebbero essere disboscate entro la fine del 2020 ma, grazie all’enorme interesse mostrato online e al fiorente turismo nato intorno a quest’area, i funzionari ministeriali stanno valutando di salvarle.