Menu
Mostra menu
L'ANGOLO DELLA POSTA a cura di Nicolò Giordano
L’ANGOLO DELLA POSTA n° 121
07/05/2021


Buongiorno, mi piacerebbe sapere cosa sono le “infrastrutture verdi”

(Vincenzo, Napoli)

infrastruttura verdeCon tale definizione s’intende una rete di aree naturali e seminaturali, situate sulla terraferma o in zone marine, combinata con altri elementi ambientali, progettata e gestita per fornire una vasta gamma di servizi ecosistemici. Sono rappresentate, ad esempio, dall’insieme di parchi, viali alberati, tetti verdi, aree agricole e boscate situate in una città che apportano vantaggi ecologici, economici e sociali. Si tratta di una definizione nell’ambito della “green economy” che coniuga innovazione e tradizione, rappresentando un’alternativa vantaggiosa e sostenibile rispetto alle “infrastrutture grigie”, ovvero le opere artificiali.

 

Perché i fiori sono colorati?

(Giuseppina, Palermo)

FOto fiore e apeI fiori sono gli organi riproduttivi delle piante e le loro parti femminili necessitano di essere impollinate da quelle maschili per produrre semi fertili. Questa attività è effettuata dal vento (impollinazione anemofila) e dagli insetti (impollinazione entomofila). Per le piante impollinate dal vento la natura ha progettato delle infiorescenze maschili pendule di colore insignificante. Il colore, il profumo e, in molti casi, anche la forma, fungono invece da potente attrattiva per gli insetti, che riescono a percepire le diverse tonalità e che trasportano con varie parti del corpo il polline dagli stami agli stigmi consentendone la fecondazione. Molte orchidee spontanee, addirittura, simulano l’aspetto delle femmine di varie specie di insetti della famiglia degli imenotteri, come bombi e api.

 

Vorrei sapere che differenza c’è tra sale marino e salgemma e quale è meglio usare in cucina.

(Alfredo, Viterbo)

sale marinoIl cloruro di sodio, utilizzato in cucina per insaporire i cibi o conservarli, viene ottenuto per evaporazione dall’acqua di mare oppure per estrazione da miniere terrestri, contenenti estesi banchi minerali derivati dall’evaporazione di antiche masse d’acqua salata intrappolate tra le rocce. Nel secondo caso viene spesso indicato come “salgemma” e, per uso alimentare, non presenta grosse differenze nutrizionali rispetto al sale marino. Quali che ne siano aspetto ed origine, l’uso in cucina deve, comunque, essere parsimonioso in quanto gli eccessi provocano disturbi alla salute connessi alla pressione sanguigna e alla ritenzione idrica.

 

Gentile Redazione, gradirei avere un’attenta spiegazione sul fenomeno di colore blu intenso che compare su alcuni rametti, presenti nel mio campo, che allego alla lettera.

(Marcello, Milano)

RamettiI rami pervenuti in redazione sono stati inviati per le necessarie analisi al Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria (CREA). Il Dr. Massimo Pilotti, esperto micologo dell’Istituto, dopo alcune osservazioni al microscopio ottico della formazione stromatica di colore bluastro presente sui campioni, è giunto alla determinazione dell’agente causale del sintomo di disseccamento. L’analisi ha evidenziato la presenza di micelio con unioni a fibbia riferibile a Basidiomicota, senza avere la possibilità di individuare spore caratteristiche e quindi la specie fungina. Dallo stesso micelio si è provveduto quindi ad eseguire delle analisi molecolari che hanno identificato il micete come Terana caerulea, Basidiomicota classe Agaricomycetes, ord. Polyporales, fam. Phanerochaetaceae.