Menu
Mostra menu
L'ANGOLO DELLA POSTA a cura di Nicolò Giordano
L'Angolo della Posta N° 109 - Marzo - Aprile 2019
15/04/2019


Sono stato di recente a Palermo ed ho sostato presso l’albero che si trova davanti alla casa che fu del giudice Giovanni Falcone. Di che albero si tratta?

Agostino (Milano)

Giovanni_Falcone_memorial_treeL’albero “Falcone”, come è stato ribattezzato dopo l’attentato del 23 maggio 1992, è un ficus magnolioide (Ficus macrophylla Desf. ex Pers.), specie originaria delle foreste pluviali che ha ben saputo acclimatarsi anche in Sicilia. Splendidi esemplari di tale albero sono conservati anche nell’orto botanico di Palermo, del quale è simbolo. Dal giorno della morte del magistrato, della moglie e della scorta, l’albero è divenuto simbolo di commemorazione e ricordo. Ai suoi rami ed al suo tronco sono stati appesi centinaia di biglietti di cittadini che credono nei valori della libertà e della legalità.

 

Ho notato numerose specie vegetali scolpite sulla fontana di Trevi a Roma. È possibile sapere di quali specie si tratta?

Elisabetta (Verona)

Fontana_di_TreviLa fontana di Trevi, uno dei monumenti più visitati e conosciuti al mondo, riservaall’osservatore attento alcuni particolari artistici e architettonici di grande interesse e bellezza. Uno studio del 2014 (Gratani, Bonito, Ribas-Carbò) ha consentito di individuare ben 22 specie vegetali scolpite nei blocchi di travertino. Tra queste vanno ricordate il cappero, il corbezzolo, l’edera, il lauro, il fico, l’acanto, la vite. Piante a cui è associato un valore simbolico.

 

Quali sono le malformazioni che colpiscono le vipere?

Antonio (Teramo)

VIPERALe anomalie più comunemente riscontrate in questi serpenti sono il bicefalismo e l’albinismo. Nel primo caso gli esemplari si presentano con due teste. Ciò può essere determinato da diversi fattori e tra questi si ricordano l’incompleta divisione di singoli embrioni o la loro parziale fusione. L’albinismo, dovuto a mutazione genetica, consiste nell’assenza parziale o totale di melanofori. Gli esemplari con questa caratteristica hanno minori possibilità di sopravvivenza in natura poiché a causa della loro livrea non riescono a mimetizzarsi.