Menu
Mostra menu
L'ANGOLO DELLA POSTA a cura di Nicolò Giordano
L'Angolo della Posta N° 100 - Settembre - Ottobre 2017
04/12/2017

di Nicolò Giordano



Esiste differenza tra "Grappa" e "Acquavite"?

Mauro (Chieti)

"Acquavite" è un termine generico ed è sinonimo di "distillato".distillati-da-rosa-2

Quando si considera una particolare bevanda distillata, occorre tenere presente da quale materia prima è stata ottenuta: la grappa, per esempio, è un'acquavite di vinaccia, il brandy è un'acquavite di vino, la vodka di patate, il whisky di cereali, il rum di canna da zucchero e così via.

Ciascuno di questi distillati ha caratteristiche, processo di produzione, invecchiamento, e gradazione molto diversi.

 

Quali sono le abitudini e di cosa si nutre un geco?

Erminia (Viterbo)

gecoIl geco comune, il cui nome scientifico è Tarentola mauritanica (Linnaeus, 1758), è un piccolo sauro ampiamente diffuso nel bacino del Mediterraneo. Gli esemplari adulti non superano i 15 cm di lunghezza. Il colore di questi rettili è grigio oppure marrone brunastro con punti scuri o luminosi. I colori cambiano d'intensità a seconda della luce e il dorso e la coda sono ricoperti di tubercoli. Le abitudini sono prevalentemente notturne: il geco si nutre di insetti di svariati ordini quali Coleotteri, Ditteri, Imenotteri, Isopodi, Lepidotteri, Scorpioni ecc. che caccia con notevole abilità tendendo dei veri e propri agguati. In molte regioni viene considerato una specie di “portafortuna” ed, in effetti, è un vorace divoratore di insetti potenzialmente fastidiosi per l’uomo.


Agricoltura biologica e agricoltura biodinamica: queste due definizioni indicano lo stesso metodo di coltivazione?

Carlo (Taranto)

No. Anche se per tutte e due si esclude l'utilizzo di concimi e sostanze chimiche dbiodinamicai sintesi, l’agricoltura biologica è un metodo di coltivazione sostenibile disciplinato a livello comunitario dal Reg. CEE 2092/91 che ammette solo l’impiego di sostanze naturali, escludendo l’utilizzo di prodotti come concimi, diserbanti, o insetticidi. L’agricoltura biodinamica è, invece, ispirata all’antroposofia di R. Steiner, il quale considera l’azienda agricola un vero e proprio “organismo vivente autosufficiente”. I ritmi cosmici influenzano i calendari di semina, coltivazione e raccolta. Le tecniche più utilizzate sono le rotazioni agricole per aumentare la fertilità e l’humus, i preparati biodinamici e il compostaggio. Gli obiettivi di questa agricoltura sono: nessun impatto ambientale, nessun residuo chimico nell’atmosfera, nel terreno e nell’acqua, per aumentare la fertilità del suolo.