Menu
Mostra menu
L'ANGOLO DELLA POSTA a cura di Nicolò Giordano
19/02/2020 | L'Angolo della Posta N° 114 Gennaio - Febbraio 2020
19/02/2020


Si parla molto di cambiamenti climatici e dell’innalzamento della temperatura del Pianeta, ma come si misura la “febbre” alla Terra?

Sabrina (Potenza)

71271dda0ee08e80Le misurazioni possono essere effettuate in diversi modi. Si possono utilizzare gli osservatori meteorologici posti sulla terraferma e a bordo di navi, i palloni aerostatici in grado di fornire tutti i dati relativi alla temperatura dell’aria e alla pressione a diverse quote e anche i satelliti lanciati in orbita. Le tre misurazioni, integrate, forniscono un quadro complessivo e dettagliato della temperatura del globo terrestre.






Occorrono dei permessi o qualifiche particolari per la coltivazione delle piante officinali?

Rossana (Sorrento)

piante-officinaliRiteniamo di no, in quanto molte piante officinali sono anche alimentari (cfr. L. 99/1931). La coltivazione è pertanto libera e non richiede titoli di studio per quelle piante non oggetto di espressi divieti (ad es. quelle da droghe psicotrope).

Diverso è invece manipolare e trasformare le piante officinali in prodotti. In questi casi occorre valutare se il prodotto intermedio è di fatto un alimento oppure un ingrediente industriale. Le autorizzazioni diventano più articolate se si va ai prodotti finiti: alimenti, integratori, cosmetici e farmaci.

 

In Sri Lanka mi sono imbattuto in un albero dal tronco variopinto, sapete dirmi di che specie si tratta e perché presenta striature così particolari?

Michele (Bolsena)

Eucalipto arcobalenoLa Natura non cessa mai di stupirci. Solitamente i suoi colori più affascinanti sono destinati alle corolle dei fiori, al piumaggio di alcuni volatili o alle ali delle farfalle. Ma, qualche volta, capita anche di incontrare alberi con tronchi variopinti come in questo caso. Si tratta di una particolare varietà di eucalipto soprannominato Rainbow Eucalipto, il cui nome latino è Eucalyptus deglupta. I suoi colori arcobaleno sono il frutto dell’opera di Madre Natura. Si ritiene che abbia avuto origine sull’isola di Mindanao nelle Filippine e che in seguito la sua coltivazione sia stata esportata verso la Nuova Guinea, il Congo e lo Sri Lanka.