Menu
Mostra menu

Comunicati Stampa

Controlli straordinari del territorio nei “phone center” ed “internet point”.
Comando Provinciale di Arezzo - Arezzo, 31/01/2018 10:39

A  conclusione di specifico servizio mirato all’attuazione del piano straordinario di controllo nei confronti di ospiti di strutture ricettive e avventori di pubblici esercizi, predisposti a livello centrale dal Ministero dell’Interno nell’ambito del “Comitato di Analisi Strategica Antiterrorismo”, militari  dipendente nucleo investigativo, collaborati in fase esecutiva da nucleo cinofili carabinieri di Firenze, identificavano e  traevano in arresto:

  • un cittadino tunisino, rintracciato a seguito di un controllo effettuato agli alloggiati della struttura ricettiva  dell’  “Hotel Chimera” di questo centro  a seguito del quale di accertava essere destinatario di un  ordine di esecuzione per la carcerazione  emesso  dalla Procura della Repubblica presso il tribunale di Arezzo, dovendo espiare la pena di mesi 11 di reclusione per “detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente” (art.73 d. p. r. 309/90),  commessa in Arezzo ne 2015;
  • un cittadino marocchino  che , a seguito di un controllo di avventori extracomunitari all’ interno del “Bar Europa” di questo centro si accertava essere destinatario  di ordine di  carcerazione  emesso  dalla procura della repubblica presso il tribunale di Arezzo, dovendo espiare la pena di mesi 9 di reclusione per evasione (art.385 c.p.,),  commessa in Arezzo nell’anno 2016.
  • Gli arrestati dopo le formalità di rito venivano  tradotti presso la  locale casa circondariale.

  • Nel corso dei controlli sono stati controllati 2 “internet point” ed un supermercato etnico all’interno dei quali venivano identificati 6 cittadini nigeriani e pakistani in regola con la normativa sulla permanenza sul territorio nazionale.

    Cortona.  Denunciati tre cittadini rumeni  per  ricettazione

    A conclusione di accertamenti, i Carabinieri di Cortona – nucleo operativo e radio mobile  , deferivano alla Procura della Repubblica di Arezzo  , per il reato di “ricettazione” tre cittadini rumeni, gli stessi, controllati a bordo di una autovettura nella disponibilità degli stessi  i quali, a seguito di perquisizione veicolare, venivano trovati in possesso di:

  • -nr.1 motozappa ;
  • -nr. 3 frese;
  • -nr.1 pompa acqua elettrica;
  • -nr.1 pompa acqua con motore a scoppio;
  • -nr.2 tenaglie  e nr.1 pinza, di cui non erano in grado di dimostrare la legittima provenienza.

Successive verifiche permettevano accertare che il predetto materiale risultava provento di furto, perpetrato ai danni di un  82enne residente in Cortona.

La refurtiva  veniva sottoposta a sequestro e successivamente restituita al legittimo proprietario.