Menu
Mostra menu

Il Carabiniere


Due copertine della rivista Il Carabiniere dell’anno 1886

Il 17 dicembre 1872 uscì a Roma il primo numero di questo giornale. Stampato su quattro pagine, a tre colonne, in formato cm 39 x 27.
Il Carabiniere aveva allora una cadenza bisettimanale, e si rivolgeva ai sottufficiali e ai militi dell’Arma. 
Lo dirigeva Carlo Voghera, che con la nuova testata si proponeva di «spalancare le finestre del pubblicismo militare». La pubblicazione conteneva atti ufficiali relativi all’Arma, notizie storiche e di cronaca, specie dell’attività di polizia giudiziaria e di assistenza svolte dai carabinieri, risposte a quesiti degli abbonati, un breve notiziario dall’interno e dall’estero, la rubrica della piccola posta, racconti e romanzi a puntate. Tante penne illustri concorsero ad animare le pagine de Il Carabiniere. C’era Edmondo De Amicis, inviato de L’Italia militare, Robert Montgomery Stuart del Daily News, Giuseppe Luciani della Gazzetta del Popolo, Ugo Pesci del Fanfulla, Carlo Arrivabene del Daily Telegraph e Edoardo Arbib della Libertà. Ottenne grande successo un romanzo, Dopo il congedo, pubblicato a puntate. L’abbonamento al giornale costava 8 lire per un anno e 4 per sei mesi. 
Ai sottoscrittori annuali l’amministrazione faceva omaggio di cento biglietti da visita.