Quando l’abito fa il rapinatore