www.carabinieri.it

Eventi

Il Comandante Generale dell'Arma visita i Carabinieri schierati in Iraq ed Afghanistan
Iraq e Afghanistan ,  20-21/04/2008
Il Comandante Generale dell'Arma dei Carabinieri, Generale di Corpo d'Armata Gianfrancesco Siazzu, rientra oggi in Italia dopo una visita di quattro giorni ai Carabinieri impegnati nei Teatri Operativi in Iraq ed in Afghanistan.
Giunto in Iraq il 20 aprile, il Generale Siazzu ha incontrato il personale del contingente della Missione NATO di Addestramento della Polizia Nazionale Irachena (INP), al quale ha espresso la propria gratitudine e l'apprezzamento per l'attività formativa svolta in quel delicato contesto internazionale. Un momento della visitaIl Comandante Generale ha ricordato le parole recentemente pronunciate dal Generale statunitense Petraeus, Comandante in capo delle Forze americane in Iraq, che ha definito i Carabinieri" the best of the best police", il fior fiore della polizia, e le espressioni di gratitudine ed elogio rivolte all'attività addestrativa dell'Arma da parte del Comandante Supremo alleato in Europa, Generale Bantz J. Craddock, il quale ha anche riferito della richiesta di ampliamento del ruolo formativo dei Carabinieri avanzata dal Ministro dell'Interno iracheno a riprova dell'eccellente lavoro sinora condotto.
Lunedì 21 aprile, il Comandante Generale ha partecipato a Baghdad alla Cerimonia per il conferimento dei certificati di fine corso ai circa 450 tra Ufficiali, Sottufficiali e "Shurta" della Polizia nazionale irachena addestrati dai Carabinieri nella base di Camp Dublin. Con la conclusione del corso, il terzo organizzato dall'Arma, sono più di 1.200 gli allievi che hanno superato l'addestramento con successo.
Alla Cerimonia hanno partecipato anche il Ministro dell'Interno iracheno Al Bolani, il Comandante della Polizia Nazionale irachena, Generale Hussein, il Comandante della Missione di Addestramento NATO in Iraq, Generale James Dubik, il vice Comandante della Missione di Addestramento NATO in Iraq, Generale Alessandro Pompegnani, ed il Comandante del Contingente dei Carabinieri in Iraq, Colonnello Fabrizio Parrulli.
L'idea di organizzare corsi intensivi per formare la nascente polizia nazionale irachena, facendo riferimento al modello organizzativo-istituzionale dei Carabinieri, è nata nel novembre 2006 su esplicita richiesta del primo Ministro Al Maliki rivolta al Segretario Generale della NATO, Jaap de Hoop Scheffer.
L'addestramento a favore della Iraqi National Police, che vede impegnati complessivamente 41 Carabinieri, in grado di formare 450 agenti della polizia irachena per ogni corso, è iniziato il 27 ottobre 2007. Oltre a far acquisire ai quadri della Polizia nazionale irachena le necessarie capacità di comando e controllo, l'addestramento è focalizzato sul rispetto dei diritti umani e sulla necessità di relazionarsi con i cittadini per conoscerne e risolverne i problemi attinenti all'ordine ed alla sicurezza. Adottando il criterio " addestrare gli istruttori", l'Arma istruirà otto battaglioni della Iraqi National Police che, a loro volta, formeranno le restanti unità della Polizia nazionale irachena, composta da 25.000 unità. La nuova Polizia nazionale, strutturata militarmente, ha competenza su tutto l'Iraq per il mantenimento dell'ordine e della sicurezza pubblica, nonché per la lotta al terrorismo.
Un momento della visitaIl 22 aprile, il Generale Siazzu si è recato a Kabul, dove ha incontrato i Carabinieri inquadrati nella Missione International Security and Assistance Force (ISAF) nella capitale, 27 in totale con compiti di polizia militare multinazionale e nazionale, in seno al contingente italiano Italfor-Isaf. Anche a loro ha espresso il proprio apprezzamento per l'attività quotidianamente svolta a favore delle Forze Armate impegnate nelle operazioni militari.
Il Comandante Generale, dopo essersi intrattenuto con l'Ambasciatore italiano a Kabul, Ettore Francesco Sequi, ha incontrato i Ministri afghani dell'Interno e della Difesa, Zarar Ahmad Moqbel e Generale Abdul Rahim Wardak, i quali hanno espresso parole di apprezzamento e gratitudine per l'attività svolta dai 59 Carabinieri complessivamente presenti in Afghanistan fra Kabul ed Herat.
Nella giornata di oggi, il Generale Siazzu, prima di ripartire alla volta di Roma, ha incontrato il Generale statunitense Dan K. McNeill, Comandante di ISAF, ed il Generale tedesco Jürgen Scholz, Capo della Missione Eupol di stanza ad Herat, il quale, in particolare, ha ringraziato l'Arma per l'attività di addestramento e formazione della Polizia Nazionale Afghana (ANP) svolta nell'ambito della missione