Menu
Mostra menu

Editoriale

Apre questo nuovo numero della Rassegna uno studio sulla prova nel processo penale a cura del Presidente del Tribunale militare di sorveglianza. La centralità della prova nell’impianto del moderno processo penale induce l’Autore ad un’ampia ed articolata disamina dell’istituto, di cui vengono descritti, secondo un’attenta ricostruzione critica, i vari tentativi classificatori operati in dottrina. L’articolo segue un iter logico ideale trattando del procedimento probatorio e della valenza della nozione di prova, con interessanti notazioni sul potere di intervento del giudice nella specifica materia e sulla delicata fase della stessa valutazione della prova.
Sempre in tema di procedura penale, segue un articolo sul sequestro preventivo. Lo studio illustra l’istituto nei suoi profili storici e sistematici, con particolare riguardo alle condizioni di applicabilità di questo peculiare strumento di intervento penale, all’oggetto dello stesso e all’operato della polizia giudiziaria e del pubblico ministero. Viene anche descritto il regime delle impugnazioni e sono formulate interessanti considerazioni sui rapporti tra i vari tipi di sequestro e sulle particolari ipotesi di sequestro preventivo.
A seguire un tema di estrema attualità e delicatezza come quello del bullismo giovanile che richiede una serie di interventi mirati, sia a livello preventivo sia su un piano prettamente repressivo. Lo studio, curato da un esperto in materia e costante collaboratore della nostra rivista, parte dalla definizione dei concetti di prepotenza ed aggressività per analizzare i fattori di rischio individuali, sociali, familiari e scolastici che caratterizzano questo fenomeno. L’Autore esamina in una visione di sintesi gli approcci educativi più appropriati per gli studenti, per collegare ed integrare in questa materia la prevenzione, il contrasto e la progettazione e tentare di fornire delle possibili risposte, delineando anche un quadro di interventi per il futuro.
Per il settore tecnico e scientifico che interessa l’attività investigativa, proponiamo uno studio sull’identificazione dattiloscopica che si ricollega in stretta sequenza logica e temporale con l’articolo pubblicato nel precedente numero della rivista sempre in tema di dattiloscopia. L’analisi viene qui condotta con maggiore attenzione al dato statistico e alle potenzialità operative della stessa indagini statistica applicata. L’articolo è arricchito da considerazioni giuridiche sull’utilità ai confronti, supportate da riferimenti giurisprudenziali particolarmente illuminanti in questo settore.
Nella rubrica di Legislazione e giurisprudenza, per il settore della Corte costituzionale segnaliamo l’importante pronuncia n. 62 del 2009 che sancisce la parziale illegittimità costituzionale della norma del procedimento disciplinare di stato che consente all’organo competente ad adottare la decisione finale di discostarsi dal giudizio della commissione di disciplina anche a sfavore dell’incolpato. Per il settore della Cassazione penale proponiamo le interessanti note sulla tutela della riservatezza in un’ottica penalistica, in relazione alla realizzazione di un sistema di videosorveglianza in un condominio per motivi di sicurezza, con possibile vulnerabilità del diritto alla privacy ed eventuale integrazione del reato di interferenze illecite nella vita privata. Per il settore della Giustizia amministrativa segnaliamo le considerazioni a margine della sentenza del Consiglio di Stato, IV sezione, n. 6193/2008, in tema di dispensa dal servizio per scarso rendimento, con particolare riguardo alla valenza e alla necessaria formalizzazione degli atti endoprocedimentali che si sostanziano negli ammonimenti a mutare condotta rivolti al militare che dia prova di insufficiente rendimento.
Nella rubrica “Attualità e commenti” pubblichiamo un articolo sulla nuova legislazione in materia di crimini informatici.
Per il settore “Materiali per una storia dell’Arma” diamo spazio alla seconda parte della conferenza tenuta il 13 novembre 1959 per l’inaugurazione del VII ciclo sulla storia dell’Arma promosso dal Museo Storico, pubblicata sul n. 6 del-l’anno 1959 del Notiziario per l’Arma dei carabinieri. Il testo, a cura dell’allora Ten.Col. Francesco Mario Pagano, costituisce una preziosa testimonianza dei più importanti eventi del 1859 che hanno interessato l’Arma dei carabinieri.