Menu
Mostra menu

Magg. Josef Szabo (delegazione ungherese)

Generali, Signore e Signori, so che il tempo corre e che il pranzo è molto vicino. Vorrei soltanto darvi una breve rassegna delle informazioni del contingente MSU ungherese a Sarajevo. Vorrei dire che sono molto orgoglioso di questo contingente perché io sono stato il suo primo comandante e avevo un po’ di preoccupazioni al riguardo, perché le Forze della difesa ungherese non hanno lo stesso tipo di unità che avete voi. Quindi, questa compagnia ha appreso i procedimenti delle unità di fanteria e il generale Leso mi ha sostenuto e mi ha detto: “non preoccuparti perché noi vi sosterremo durante l’addestramento e durante la missione”. Io ho sentito questo supporto da parte degli italiani, degli sloveni e dei rumeni.

Quindi la mia presentazione consiste nel fornirvi alcune informazioni generali del contingente e della sua struttura, dei compiti dell’MSU - contingente ungherese, naturalmente - e le regole e le lezioni apprese. Tutti sanno che le nostre Forze non sono Forze consistenti: ecco perché abbiamo 1.450 soldati all’estero. Per i prossimi minuti mi soffermerò sulla missione SFOR nei Balcani. Vorrei dire qualcosa della storia della partecipazione ungherese alla missione Balcani: l’Ungheria ha delegato un battaglione del genio che è stato dispiegato vicino alla frontiera tra la Croazia e la Bosnia come Brigata Genio. Tutti sanno che questo battaglione sostiene le operazioni SFOR come sostegno del Genio. L’Ungheria ha ritirato questo contingente nel 2002, solo alcune settimane prima di dispiegare un contingente ungherese MSU per lo SFOR. Questo contingente è formato da 150 soldati ed è stato dispiegato in due fasi: in una prima fase, 50 persone, il 16 maggio 2002. Queste costituivano il plotone comando del contingente e alcune aliquote del logistico.

La parte principale del contingente è stata dispiegata un mese dopo, cioè 100 persone su tre plotoni MSU ungheresi. Prima di partecipare al reggimento MSU i nostri soldati e i nostri ufficiali hanno partecipato ad un periodo di addestramento in Bosnia e alcuni ufficiali in posti come quello in cui mi trovo oggi, qui a Roma, apprendendo anche quale fosse lo scopo del reggimento MSU. L’organizzazione del contingente ungherese prevede una compagnia nell’MSU, con elementi logistici. Abbiamo cominciato il nostro lavoro, i nostri compiti nel reggimento MSU, con un plotone ungherese. Successivamente, il plotone ungherese è stato organizzato come Compagnia separata. Vi ho detto, all’inizio della mia presentazione, che questa compagnia è una compagnia di fanteria meccanizzata. Quindi negli ultimi due anni, nei quali noi abbiamo lavorato con l’MSU, il nostro quartier generale ha monitorizzato questa compagnia, ha raccolto tutte le informazioni dei colleghi italiani sull’apporto del contingente ungherese; ciò perché bisognava cambiare il nostro apporto, fornendo nuove idee. Durante l’addestramento d’integrazione il contingente ungherese ha svolto tutti i compiti che avremmo dovuto svolgere poi durante la rotazione con gli altri contingenti.

Le compagnie ungheresi parte del reggimento MSU fanno le stesse cose degli altri corpi. I compiti della compagnia ungherese, svolti in passato e svolti attualmente, sono compiti di polizia militare, di prontezza operativa, di posti di controllo ed anche di pattuglia. 76 Infine vorrei parlarvi di alcune esperienze che abbiamo tratto negli ultimi due anni. Sapete che il contingente ungherese è il membro più giovane, fino ad oggi, dell’MSU e il livello di operazione di base è quello di plotone. Forse è meglio mantenere il controllo delle operazioni a livello di compagnia ed equipaggiare i plotoni con veicoli misti, per cooperare con le altre unità militari, locali ed internazionali. Noi puntiamo ad avere capacità più complesse, sia a livello di polizia, sia militare. Dobbiamo imparare, in Ungheria, perché questo riteniamo che comunque sia il futuro. Quindi, dobbiamo sempre più prendere in considerazione di partecipare a questo tipo di missioni e dobbiamo anche considerare la necessità di intensificare e migliorare il nostro addestramento generale a livello militare, per ulteriori operazioni di mantenimento della pace. Le attività di MSU devono portarci a migliorare le nostre capacità. Vi ringrazio per la vostra attenzione.


(*) - Trascrizione da registrazione audio.
(**) - Maggiore delle Forze armate Ungheresi.