Menu
Mostra menu

Editoriale

Copertina del numero

Copertina del Supplemento alla rassegna nr. 4/2004 - Serie "Atti" - nr. 2



Questo supplemento della Rassegna rappresenta il secondo contributo editoriale alla nuova serie di pubblicazioni denominata “Atti”. L’intensa attività congressuale e convegnistica, che ha visto protagonista la Scuola Ufficiali Carabinieri nell’anno accademico 2003-2004, ha trovato nel Seminario sulle Multinational Specialized Units il momento di maggior respiro internazionale. Il seminario, articolato in quattro sessioni, costituisce il primo e più importante approfondimento sull’esperienza operativa delle MSU; un doveroso e necessario spazio alla riflessione e all’attività di elaborazione intellettuale per fornire di una sempre più adeguata cornice teorica e dottrinale un modello di intervento operativo ampiamente sperimentato. I numerosi interventi, non a caso, hanno preso avvio dalle lezioni apprese in teatro d’operazioni per poi soffermarsi sul contesto internazionale e sugli aspetti giuridici, sino ad illustrare gli aspetti di dottrina militare e, infine, le prospettive sull’impiego delle MSU e sulle soluzioni ordinative ed operative del futuro.

Il Seminario si è svolto nell’Aula Magna dell’Istituto il 30 e il 31 marzo scorso ed ha visto la partecipazione di personalità politiche, delle più alte autorità militari nazionali, di rappresentanti delle forze armate di Stati Uniti, Portogallo, Romania, Estonia, Ungheria, Slovenia, di magistrati militari, di esponenti del mondo accademico ed universitario, di qualificati esperti militari e civili. Un felice e proficuo confronto tra differenti posizioni istituzionali e molteplici approcci culturali e metodologici. Un sinergico sforzo per integrare diverse prospettive, nel condiviso obiettivo di recare contributi costruttivi e realizzabili.

Le Multinational Specialized Units non rappresentano solo una soluzione ordinativa e un modello operativo capace di esprimere competenze militari e di polizia in un armonico quadro d’impiego, ma costituiscono la possibilità di un’integrazione multinazionale che avvicina e rende omogenee procedure, capacità, stili, culture e quant’altro, per una sicurezza internazionale reale e condivisa, in cui tutti sono attori e protagonisti. Non solo dottrina e tecnica, ma anche conoscenza reciproca e riconoscimento di valori comuni sui quali basare la convivenza e la cooperazione internazionale. Questo ed altro, che non è possibile e conveniente riportare in una presentazione, sono motivi più che sufficienti per un caloroso invito alla lettura ed allo studio degli atti di questo seminario; un invito rivolto non solo ai diretti interessati alle problematiche trattate, ma a tutti coloro che vogliono conoscere, approfondire ed apprezzare una componente essenziale delle missioni internazionali di mantenimento della pace, un peculiare modello operativo denso di soluzioni singolari ed originali.

Il presente supplemento pubblica gli atti sia in lingua italiana sia in lingua inglese per una maggiore diffusione internazionale degli stessi. La Rassegna vuole essere protagonista e fedele testimone del dibattito dottrinale e culturale che anima l’istituzione militare e dei positivi fermenti che si agitano al suo interno. L’aggiornamento della preparazione dei Quadri dell’Arma, che costituisce la vocazione di questa Rivista, è un percorso stimolante che alimenta, costantemente, la crescita culturale ed intellettuale di chi vuole seguirlo con consapevolezza ed entusiasmo.

Gen. D. Vittorio Barbato