Menu
Mostra menu

Editoriale

Copertina del numero
Copertina della Rassegna dell'Arma - N. 4 - Ottobre - Dicembre 2002


Il presente fascicolo offre all’attenzione dei nostri lettori una serie di studi di giovani collaboratori, con l’intento di incentivare un fecondo confronto di idee e di sviluppare la sensibilità all’analisi e all’approfondimento dei problemi.
Apre il numero un articolo sulla formazione, attentamente valutata nei suoi complessi risvolti educativi, quale momento di consapevole acquisizione dei valori istituzionali e quale essenziale opportunità di crescita professionale. Convinti che la formazione è il cardine insostituibile dell’efficienza di qualsiasi organizzazione complessa, pubblica o privata che sia, non possiamo che accogliere con estremo favore i contributi di pensiero in questo campo così delicato e importante, in modo da continuare a guardare con fiducia al futuro e proiettarvi, aggiornata e potenziata, la realtà istituzionale di oggi.

Segue un’ampia e dettagliata analisi della missione Onu-IPTF in Bosnia, una delle numerose missioni internazionali cui l’Arma partecipa con le sue migliori risorse. Non va dimenticato che queste particolari missioni sono anche un efficace strumento di verifica delle procedure di impiego e della funzionalità logistica, con utili riflessi sulla stessa attività istituzionale svolta in territorio nazionale.
Nel medesimo contesto internazionale, a seguire, uno studio di ampio respiro sulla problematica della legittimazione a reagire ad un atto illecito internazionale da parte di Stati differentemente lesi nei rispettivi interessi. Il lavoro si muove sulla fondamentale considerazione che gli equilibri politici internazionali devono essere regolati da specifiche norme giuridiche che garantiscano soluzioni condivise e responsabilità inequivocabili.

In prosecuzione troviamo un articolo molto tecnico, con il quale la Rivista inaugura una serie di studi sulle tematiche logistico-ammistrative, nel tentativo di rendere più “familiari” argomenti estremamente specialistici e spesso riservati a pochi addetti ai lavori. La conoscenza di tutte le componenti di un’organizzazione, sia operative sia tecniche, è l’indispensabile premessa al migliore impiego delle risorse di cui si dispone, soprattutto quando si attiva e si realizza il processo di ammodernamento tecnologico e di innovazione delle procedure.

Chiude il fascicolo uno studio storico sulla partecipazione dell’Arma dei carabinieri alla difesa di Roma dall’8 al 10 settembre 1943. Già nel precedente editoriale abbiamo sottolineato come la conoscenza storica sia uno dei temi centrali che la Rassegna vuole sviluppare, per mantenere vivo e fecondo il legame dell’Istituzione con le sue radici ultrasecolari. Siamo, infatti, convinti che la soluzione dei problemi di oggi deve scaturire anche da un confronto costante con le soluzioni di ieri, nella ferma consapevolezza che gli aggiornamenti non possono e non devono toccare il vitale patrimonio della nostra identità istituzionale.
Segnaliamo, infine, nella rubrica “Attualità e commenti”, la pubblicazione della nuova normativa sulla documentazione caratteristica, con una interessante comparazione con quella abrogata, che agevola l’individuazione delle novità e degli elementi di continuità.

Gen. D. Leonardo Gallitelli