Menu
Mostra menu

Editoriale

Copertina del numero
Copertina della Rassegna dell'Arma - N. 3 - Luglio - Settembre 2002


Nell’assumere la direzione della Rassegna dell’Arma dei Carabinieri, rivolgo un fervido saluto ai lettori, ai collaboratori ed ai componenti della redazione.
A chi mi ha preceduto, ed in particolare al Gen. D. Giorgio Piccirillo, un sentito ringraziamento per l’appassionato impegno dedicato alla crescita della Rivista.
La Rassegna non ha bisogno di presentazioni: da cinquant’anni cura l’aggiornamento e la preparazione specifica dei Quadri dell’Arma dei carabinieri, rinnovandosi costantemente nei contenuti e nella veste editoriale.

Nel solco di questa tradizione culturale, la Rivista vuole continuare a rappresentare uno stimolante momento di riflessione e un utile strumento di riferimento nell’operare quotidiano al servizio del cittadino.
Gli impegni istituzionali sono molti e tutti di straordinario spessore culturale e tecnico, con uno sviluppo di tematiche di interesse professionale eccezionalmente vasto.

La proiezione oltre i confini nazionali ha altresì proposto la nostra Istituzione come modello organizzativo e funzionale, di cui la Comunità internazionale si avvale sempre più frequentemente per garantire pace e sicurezza.
Parallelamente, si è meglio consolidata la peculiare competenza di molti nostri reparti speciali, con una crescita esponenziale di rapporti e di relazioni, anche con omologhe unità di altri Paesi.

In questo ambito, gli obiettivi editoriali che ci prefiggiamo non possono prescindere dal coinvolgimento di tutti coloro che seguono il nostro periodico.
Le materie militari, giuridiche e tecniche di precipuo interesse professionale riceveranno il massimo spazio nelle nostre rubriche di “Studi” e “Attualità e commenti”. Non saranno tralasciate, naturalmente, le più vaste tematiche culturali che consentono di armonizzare i contenuti tecnico-professionali con le dinamiche sociali.

Ampio spazio continuerà ad essere conferito alle rubriche di legislazione e di giurisprudenza, per un aggiornamento costante sulla produzione normativa e sulla sua interpretazione.
La cogente necessità di essere sempre allineati ai tempi non deve però distoglierci dagli ammaestramenti offerti dal nostro passato, fonte inesauribile di esemplari esperienze e custode delle nostre autentiche radici culturali e professionali.
Con convinta adesione a questo imperativo, inauguriamo già da questo numero un’apposita rubrica di “Materiali per una storia dell’Arma”, con la quale proporremo una serie di studi e articoli tratti dai nostri archivi editoriali e principalmente dalla “Rivista dei Carabinieri Reali”, vera e propria antesignana della Rassegna.

Pur con il linguaggio dei tempi e le differenti contestualità storiche, ci sembra importante ripercorrere lo sviluppo di tematiche che hanno segnato la storia dell’Arma e che recano, ancora oggi, spunti di riflessione straordinariamente istruttivi.
In sintesi, la Rassegna continuerà ad essere un utile strumento di arricchimento professionale e, a tal fine, cercheremo di innescare sempre nuovi stimoli e interessi, certi di poter contare soprattutto sulla vostra collaborazione e sul vostro affetto.

Gen. D. Leonardo Gallitelli