Menu
Mostra menu
NATURA E BIODIVERSITA'
I PINI DI CELESTINO V
06/11/2020


FOTO APERTURACarabinieri forestali in compagnia di botanici, zoologi, alpinisti salgono a bordo di un elicottero dell'Arma dei Carabinieri che da Guardiagrele, ai piedi del grande massiccio abruzzese della Majella, raggiunge la Cima della Stretta, una sottile lingua di terra su un colle a strapiombo nel Vallone del Fossato, a 1.500 metri di altitudine. Ci troviamo nella Riserva Naturale Statale Fara San Martino Palombaro gestita dall’Arma dei Carabinieri e situata nel Parco Nazionale della Majella.  Scopo della complessa spedizione è quello di monitorare lo stato di salute degli alberi, prelevare dei semi ed effettuare rilievi e carotaggi sui grandi pini neri che si affacciano sul ripido costone della montagna. Questi alberi probabilmente hanno circa 900 anni ed erano già nati ai tempi in cui l'eremita Pietro da Morrone, poi divenuto Papa Celestino V, aveva eletto questa montagna a sua dimora.

Link al Video:  Clicca QUI