Menu
Mostra menu
FOTORACCONTO
IL RITORNO DEGLI ANIMALI
05/06/2020

Con la quarantena gli animali tornano padroni delle città. In questi giorni di pandemia da coronavirus, quando le sole a rompere il silenzio di città semideserte sono state le sirene delle ambulanze, ad approfittarne è stata Madre Natura che, al ritmo frenetico degli uomini, ha sostituito i salti e lo sgambettìo dei suoi amici animali. Una marcia lenta, ma inesorabile.

 


Cigni a Venezia



























Come in un film d’animazione i selvatici hanno velocemente occupato gli spazi lasciati vuoti dall’uomo. A Venezia i cigni sono tornati a nuotare allegramente in laguna, gli uni accanto agli altri, nelle acque ormai cristalline dei canali. Evento eccezionale per la città che non ha potuto far altro che osservare in silenzio, dietro le finestre di casa, tanta bellezza.

 
 
 










Germani reali a Piazza di Spagna

A Roma in Piazza di Spagna, ai piedi della famosa scalinata di Trinità dei Monti, la Fontana della Barcaccia, realizzata dal Bernini, fa da sfondo alla “romantica nuotata” di una coppia di germani reali.














Coniglio selvatico che attraversa la stradaFagiano che attraversa la strada













Per non parlare di conigli selvatici, fagiani cervi, volpi e lepri, che attraversano le strade fieri e senza alcun timore, inconsapevoli di passeggiare sull’asfalto grigio e non più fra verdi boschi, ma tra auto ferme e semafori lampeggianti.






































Ungulati in città


















Tante le città interessate da questa singolare quanto repentina avanzata degli animali, che ha acceso la fantasia degli italiani costretti in casa. Il web è stato inondando di foto e filmati amatoriali che documentano gli straordinari incontri. Un omaggio alla Natura e a questo inatteso spettacolo.

Osservando con attenzione le immagini viene da chiedersi se, una volta superata l’emergenza, riusciremo ad apprezzare e a rispettare di più l’ambiente in cui viviamo e tutti gli esseri che lo popolano. Solo così avremo un futuro.