Menu
Mostra menu
ANIMALI
L’ORSO BRUNO
05/03/2020

In Italia sono presenti due sottospecie di orso bruno: Ursus arctos arctos che frequenta l'area alpina centro-orientale, e Ursus arctos marsicanus localizzata nell’Appennino centrale

 

FOTO APPROFONDIMENTO


Carta d'identità
REGNO Animale
PHYLUM Cordati
CLASSE Mammiferi
ORDINE Carnivori
FAMIGLIA Ursidi
NOME SCIENTIFICO Ursus arctos








L'orso bruno (Ursus arctos) vive in differenti ambienti, dalle steppe asiatiche alle tundre artiche e le foreste pluviali temperate. È distribuito in Europa, in Asia e in nord America. In Italia sono presenti due sottospecie di orso bruno: Ursus arctos arctos che frequenta l'area alpina centro-orientale, e Ursus arctos marsicanus localizzata nell’Appennino centrale.
L’orso bruno è un mammifero di grandi dimensioni (i maschi possono arrivare a pesare più di 300 kg, anche se in media il peso rimane frequentemente inferiore ai 180 kg per i maschi e ai 130 kg per le femmine), con testa rotondeggiante e orecchie sporgenti, arti relativamente brevi e coda corta, quasi invisibile nella folta pelliccia bruna.
Da un punto di vista sistematico l'orso appartiene all’ordine dei Carnivori, ma solo occasionalmente la carne entra a far parte della sua dieta, che include in larga misura vegetali (erbe, foglie di arbusti, gemme, fiori, tuberi, bulbi, funghi e frutti di ogni dimensione e consistenza).
Sinonimo di orso è il termine “plantigrado”, che identifica quei mammiferi che camminano poggiando tutta la pianta del piede sul terreno (tra questi l'uomo). Di solito gli orsi si muovono al passo, in rari casi al trotto. Ciononostante, per brevi tratti possono essere molto veloci e raggiungere la velocità di 45 km/h. L'orso è tipicamente un animale solitario che non ama frequentare gli altri individui della sua specie escluse, ovviamente, le femmine, limitatamente al periodo riproduttivo e ai primi anni di vita dei cuccioli. Incontrarne uno nelle ore diurne non è un evento frequente anche perché, in risposta al disturbo umano, la specie predilige muoversi al crepuscolo o di notte.
Il futuro dell'orso bruno in Italia è alquanto incerto. Sulle Alpi, un recente intervento di reintroduzione ne ha scongiurato momentaneamente l'estinzione, mentre in Appennino poche decine di orsi marsicani, rappresentanti di una sottospecie unica, lottano ancora per sottrarsi all'oblio.
Gli interventi necessari per garantire la conservazione di queste popolazioni sono numerosi e richiedono lo sforzo congiunto di tecnici, ricercatori ed amministratori, altre al supporto, fondamentale, di opinione pubblica e dei principali portatori di interesse.
Il progetto LIFE Arctos, svolto dal 2010 al 2014, ha riunito diversi soggetti con l'obiettivo di avviare una serie di interventi strutturali, sia sulle Alpi che in Appennino, in linea con quanto previsto dai piani d'azione sviluppati per la tutela dell'orso.

 

COSA FARE IN CASO D'INCONTRO CON UN ORSO

Se si avvista un orso in lontananza, osservare, spiare pure, ma non avvicinarsi. Fargli godere quei momenti di relax che ogni tanto si concede. Non avere paura, ma un giustificato timore, si tratta di un animale selvatico, quindi è giusto non avere atteggiamenti troppo confidenziali, che non sarebbero compresi o potrebbero farlo reagire in maniera poco piacevole.
Se si scorge l’animale da vicino, ed esso se ne accorge, fuggirà rapidamente. Non è abituato a incontri inaspettati, e nel caso contrario, di solito, si alza in piedi, solo per curiosità: in questo caso allontanarsi con cautela, si renderà subito conto che non si tratta di una minaccia.
Se si avvista vicino ad un centro abitato, ad un pollaio, ad un orto, avvertire subito le Guardie del Parco o i Carabinieri Forestali, sapranno loro cosa fare.
Appena le Guardie hanno finito i sopralluoghi e accertato gli eventuali danni, non lasciare i resti del bottino a portata di mano. Sarebbero interpretati dal plantigrado come un chiaro invito a tornare.
Non attirare l’animale con il cibo, si abituerebbe alla comodità e di conseguenza non sarebbe più in grado di procacciarselo da solo.

fonte Parcoabruzzo.it