Menu
Mostra menu
PIANETA ANIMALI  a cura di Monica Nocciolini
FIOCCO GIALLO A 4 ZAMPE
22/07/2019


FOTO OKUn fiocco giallo per avvisare che il cane ha bisogno di spazio: si chiama Yellow Dog Project il movimento globale nato ormai alcuni anni or sono negli Stati Uniti per aiutare i cani che, una volta in passeggiata al parco o per la via, hanno necessità di una fascia “di rispetto individuale” più ampia in paragone ad altri conspecifici.

Basato sul passaparola, questo simbolo di comunicazione cinofila non verbale è ormai diffuso – oltre che negli Usa e in Canada –in Africa, America Latina, Australia, Asia e ultimamente anche Europa, con i Paesi anglosassoni in prima fila nell’impiego dell’accessorio giallo a segnalare un cane speciale.

Ipotizzare che la necessità si leghi solo al quattrozampe aggressivo sarebbe sbagliato. Il fiocco giallo può proteggere in via provvisoria un cane convalescente, magari con punti di sutura, o una femmina in calore. Cani timorosi e impacciati nelle interazioni, o semplicemente anziani con l’artrosi a rallentarli e renderli insofferenti, possono poi esser posti al riparo dagli incontri ravvicinati con cuccioli ben più intraprendenti.

Non solo salute: il segno giallo è funzionale anche ai cani da lavoro, per segnalarne l’impegno in una sessione di addestramento durante la quale non vanno distratti o disturbati. Per i cani da assistenza o per i cani guida concentrati in lezioni con gli educatori, magari in spazi urbani, è l’ideale. Come ogni segno o simbolo, tutto sta a riconoscersi. La condivisione: ecco il primo passo.