Menu
Mostra menu

Calendario storico

Anno 2014 - Sul tormentato fronte balcanico

Calendario 2014 - Sul tormentato fronte balcanicoCalendario 2014 - Sul tormentato fronte balcanico

Testo pagina sinistra

L'accresciuta necessità di intervenire, sotto l'egida delle Nazioni Unite, della NATO o dell'Unione Europea, in aree particolarmente sensibili a protezione delle comunità martoriate da anni di sanguinosi conflitti, ha esaltato la vocazione di forza di pacificazione dell'Arma, maturata grazie ad una secolare e riconosciuta esperienza nelle missioni internazionali, risalente alla guerra di Crimea del 1855. L'Arma si è sempre più evoluta aggiungendo ai tradizionali compiti di polizia militare all'estero quelli di osservazione del rispetto dei diritti umani e di collegamento con i poteri locali. Nei Balcani, dove i Carabinieri continuano ad operare ininterrottamente da 18 anni, è stata sperimentata con successo un'innovativa dottrina di impiego delle forze (la Multinational Specialized Unit, nota anche con l'acronimo MSU) per assolvere contestualmente compiti di polizia civile e polizia militare volti al mantenimento della pace. Gli eccellenti risultati conseguiti hanno reso i Carabinieri leader mondiali di tale attività, suscitando il plauso dei Paesi esteri; al riguardo, uno dei Presidenti degli Stati Uniti d'America, nel riferirsi alla professionalità acquisita dai Carabinieri, ebbe ad affermare: "… sul terreno, fanno la differenza!".


Testo pagina destra

L'Arma è ancora presente in Kosovo con oltre 140 militari inquadrati nel Reggimento MSU, che opera nell'ambito della missione KFOR.