Menu
Mostra menu

Progetti e collaborazioni internazionali

La proiezione internazionale, ormai ineludibile in un contesto sempre più globalizzato, ha visto i Carabinieri dei NAS collocarsi in un ruolo di leadership internazionale negli ultimi anni, fino a divenire un punto di riferimento per i più importanti Enti e Istituzioni europee e internazionali di settore. Ne sono derivati vantaggi sia sul piano operativo che su quello di immagine, poiché si è constatato quanto l’Europa sia favorevolmente colpita dallo strumento di cui dispone l’Arma dei Carabinieri, ossia un Reparto specializzato nei settori alimentare e farmaceutico.

PROGETTI:

a) BACCUS - “COMBATING FOOD CRIME BY STRENGTHENING LAW ENFORCEMENT COOPERATION”
BACCUS è un progetto finanziato dalla Commissione europea, implementato da un pool di esperti di settore, sotto la leadership del CCTS, con lo scopo di creare una piattaforma e-learning (“Baccus class”) per la diffusione in ambito UE delle migliori metodologie di prevenzione, investigazione e contrasto a crimini alimentari mediante corsi interattivi di formazione sia frontale che in via telematica sulla piattaforma appositamente sviluppata.

b) ASKLEPIOS
Il Comando CCTS, in collaborazione con EUROPOL e altri Paesi europei, ha partecipato alla realizzazione delle “azioni” operative/didattiche previste dal progetto ASKLEPIOS:
- contrasto alla vendita di integratori alimentari falsi e/o contraffatti;
- contrasto al fenomeno dell’Italian sounding;
- implementazione di una piattaforma e-learning in favore degli organi di controllo;
- contrasto al commercio di fitosanitari falsi e contraffatti (operazione Silver AXE);
- contrasto alla vendita online di prodotti alimentari e farmaci contraffatti (operazione IOS).

c) BTSF (BETTER TRAINING FOR SAFER FOOD) - FORMAZIONE SPECIALISTICA
La DG SANTE della Commissione europea ha finanziato un programma didattico di formazione specialistica, denominato BTSF, dedicato a tutti gli Enti e Istituzioni nazionali della Unione Europea preposti al contrasto del crimine alimentare. In particolare, un corso denominato “New Investigation Techiniques on food fraud” e un altro “e-commerce of food”, che hanno visto la partecipazione di personale del Comando CCTS sia in qualità di docenti che di discenti.

d) IILA (ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE ITALO-LATINO AMERICANA) -COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI PAESI DEL SUD AMERICA
L’IILA è un Organismo internazionale intergovernativo che promuove la realizzazione di molteplici attività ed iniziative tra l’Italia e i Paesi del Sud America per la realizzazione di progetti nel settore della cooperazione allo sviluppo, promozione e intensificazione della collaborazione economica, sociale, scientifica, tecnologica e culturale. Nel gennaio del 2020 è stata siglata un’Intesa tecnica tra l’IILA e il Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri per realizzazione di programmi di promozione allo sviluppo per la tutela della salute mediante prevenzione e contrasto degli illeciti in materia di sanità, igiene e sofisticazioni alimentari.

e) AGENZIA ITALIANA DI COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO (AICS) CON LA REPUBBLICA DEL MOZAMBICO
L’AICS è un’Agenzia pubblica, vigilata dal Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale (MAECI) con il compito di svolgere le attività di carattere organizzativo, tecnico-operativo e di gestione di progetti in favore di Paesi terzi. Nel 2020 il Governo mozambicano, per il tramite dell’AICS, ha richiesto la partecipazione del Comando CCTS ad un’attività formativa in loco in favore di funzionari deputati ai controlli nel settore della produzione e vendita di sostanze alimentari a partire dalla primavera 2021.


COLLABORAZIONI:

a) PUNTO DI CONTATTO NAZIONALE PER IL FLEP (FOOD LAW ENFORCEMENT PRACTICIONERS)
Il FLEP è un forum permanente per la cooperazione tra le Autorità europee competenti nel settore alimentare. La partecipazione permette di scambiare informazioni con Enti ed Agenzie che svolgono attività ispettiva nel settore alimentare.

b) PUNTO DI CONTATTO NAZ. PER IL FFN (FOOD FRAUD NETWORK) DELLA COMMISSIONE EUROPEA
La DG SANTE (Direzione Generale per la salute e i consumatori) della Commissione europea ha istituito una rete tra gli Stati membri dell’Unione Europea denominata Food Fraud Network con lo scopo di condividere informazioni tra le Autorità sanitarie competenti al controllo ufficiale degli alimenti e reprimere le frodi alimentari. Il Comando CCTS è il punto di contatto nazionale insieme al Ministero della Salute.

c) COLLABORAZIONE CORSI CEPOL
L’Accademia Europea di Polizia CEPOL è un’Agenzia dell’Unione Europea con compiti di promozione della cooperazione transfrontaliera in materia di lotta alla criminalità. CEPOL organizza periodicamente corsi, seminari e conferenze in favore degli appartenenti delle Forze di polizia. Nel corso degli anni, il Comando CCTS è stato in prima linea nella collaborazione con questo importante centro di formazione.


ALTRE ATTIVITA’:

a) ORGANIZZAZIONE DELLA CONFERENZA: “FIGHTING FOOD CRIME - ENFORCING FOOD SAFETY” DURANTE EXPO 2015
Il Comando CCTS è stato protagonista nell’organizzazione di una conferenza di alto livello sul crimine alimentare denominata “Fighting Food Crime - Enforcing Food Safety”, riservata ad esponenti delle Autorità nazionali ed internazionali preposte, a vario titolo, alla salvaguardia della salute pubblica, che si è tenuta durante l’Esposizione Universale di Milano (EXPO 2015). Al convegno hanno partecipato numerose personalità politiche italiane e straniere ed appartenenti ad Agenzie ed Enti internazionali deputati al contrasto del crimine alimentare.

b) PRESIDENZA ITALIANA DEL G7
La Presidenza Italiana del G7 rappresenta un’irrinunciabile opportunità per il nostro Paese di condividere le eccellenze nazionali ed i modelli di efficienza adottati in Italia con le sette nazioni più industrializzate del mondo. Al riguardo, il Ministro della Salute ha approvato la realizzazione di un convegno internazionale a latere dei lavori del G7 Sanità che si sono svolte a Milano nei giorni 5 e 6 novembre 2017, nel corso del quale sono state affrontate tematiche inerenti il contrasto al crimine alimentare e farmaceutico da parte dei Paesi partecipanti ed è stato unanimemente apprezzato il modello italiano di un Reparto di una Forza di polizia, specializzato in tutela della salute pubblica, posto alle dipendenze funzionali del Ministro della Salute.