Menu
Mostra menu

Eventi

Presentazione del libro "Effetto serra - effetto guerra"
Roma ,  24/10/2017
effetto-serra-3 effetto-serra-4 effetto-serra-2 effetto-serra-1

Presso il Punto informativo del Comando Unità per la Tutela Forestale Ambientale e Agroalimentare dei Carabinieri (CUTFAA), verrà presentato  il 24 ottobre p.v.,  alle ore 18.00, in Via Antonio Salandra, 44,  in Roma, il libro “Effetto serra - effetto guerra” di Grammenos Mastrojeni e Antonello Pasini, edito da Chiarelettere.

Grammenos Mastrojeni, analista diplomatico, e Antonello Pasini, fisico del clima,  indicano la strada per gestire, in maniera cooperativa, il futuro che ci aspetta e che sarà segnato dalla rivoluzione climatica già in atto.

Continue ondate migratorie aprono scenari cui non eravamo preparati, e paiono il preludio a esodi di interi popoli. Le aree dove questi sommovimenti si originano hanno tutte qualcosa in comune: il clima che cambia, il deserto che avanza e che sottrae terreno alle colture mettendo in ginocchio le economie locali.

Clima e guerre, clima e terrorismo. È difficile tracciare una precisa concatenazione di cause ed effetti fra il riscaldamento globale e i singoli eventi che ci hanno traumatizzato recentemente, ma una cosa è ormai certa: il clima che cambia contribuisce al disagio e all’aumento della povertà di intere popolazioni, esposte più facilmente ai richiami del terrorismo e del fanatismo. In tutto questo, l’Italia è in prima linea, quale ponte proteso nel Mediterraneo tra Nord e Sud del mondo.

I due esperti hanno affrontato i temi, forti delle loro esperienze nel campo delle negoziazioni e dello studio, e sono giunti alle medesime conclusioni: se abbandoniamo i più poveri da soli alle prese col cambiamento climatico, non solo facciamo finta di non capire ciò che ci insegnano la moderna scienza del clima e l’analisi geopolitica, ovvero che siamo tutti sulla stessa barca e che i problemi sono interconnessi e hanno una dinamica globale, ma lasciamo anche crescere conflittualità in aree fragili  che, prima o poi, manifesteranno i loro effetti anche sulla nostra società.

Prendere coscienza dei rischi di un clima fortemente condizionato dall’azione dell’uomo può favorire un’operazione di pace, integrazione e giustizia di portata inedita.

L’iniziativa si inquadra nell’ambito del ciclo di incontri aperti al pubblico e gratuiti, denominati i “Martedì della Natura”, a cura del Comando Unità per la Tutela Forestale Ambientale e Agroalimentare dei Carabinieri (CUTFAA).