Menu
Mostra menu

Eventi

L'Onorificenza del Presidente emerito Ciampi donata all'Arma dei Carabinieri
Roma (RM) ,  01/12/2016
Onorificienza Presidente emerito Ciampi Onorificienza Presidente emerito Ciampi
Si è tenuta questa mattina, nella Sala di rappresentanza del Comando Generale, la cerimonia per la donazione all’Arma dei Carabinieri delle insegne di “Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana” del Presidente Emerito Carlo Azeglio Ciampi. Si tratta della più alta onorificenza concessa dalla Repubblica e fu conferita al Presidente Ciampi all’atto della sua investitura a Capo dello Stato.
La donazione è stata voluta e indicata espressamente nel testamento dal Presidente Ciampi, per il profondo affetto e la riconoscenza che nutriva verso l’Istituzione.
All’evento il Comandante Generale ha voluto fossero presenti i Carabinieri che avevano fatto parte della scorta personale del Presidente Emerito. Essi si sono schierati composti con gli ex Comandanti Generali, i Vertici dell’Arma, il Prefetto Mario Parente (Direttore dell’AISI), i Comandanti ed una rappresentanza di militari del Reggimento Corazzieri, del Reparto CC Presidenza della Repubblica, del Comando Banca d’Italia e i Presidenti del Gruppo M.O.V.M, dell’Associazione Nazionale Carabinieri e dell’Opera Nazionale per l’Assistenza agli Orfani dell’Arma.      
Ha introdotto l’incontro il dottor Domenico Marchetta, Presidente onorario della Corte dei Conti, già stretto collaboratore del Presidente, il quale ha ricordato la figura di Carlo Azeglio Ciampi e ne ha sottolineato la particolare vicinanza all’Arma.
Gli ha fatto eco il Comandante Generale Tullio Del Sette, il quale ha indicato la grande stima dei Carabinieri verso quel Presidente che aveva così fortemente affermato i Valori di amor di Patria e fedeltà alle “istituzioni”, manifestati in tante occasioni.
La manifestazione si è conclusa con la simbolica consegna del “Collare” da parte del dott. Claudio Ciampi, figlio del Presidente Emerito.
“Mai si sarebbe potuto corrispondere con un dono di pari livello”, ha scherzato il Generale Del Sette offrendo in cambio una piccola statua in bronzo raffigurante un Ufficiale a cavallo.