Menu
Mostra menu

Eventi

Concerto della Banda dell'Arma dei Carabinieri
Roma ,  13/05/2005

Con il concerto della Banda dell'Arma dei Carabinieri, tenuto ieri sera a Roma nella Sala Santa Cecilia dell'Auditorium Parco della Musica, sono state aperte le celebrazioni del 191° annuale della fondazione dell'Arma, che risale al lontano 1814, allorché Vittorio Emanuele I, Re di Sardegna, preoccupato di riportare l'ordine nelle province sabaude dopo l'occupazione napoleonica, costituì il Corpo dei Carabinieri Reali con personale scelto tratto dall'Armata.

Le celebrazioni si chiuderanno il prossimo 8 giugno con la Festa dell'Arma, cerimonia d'indiscusso fascino, che si terrà, alla presenza del Presidente della Repubblica, nella prestigiosa cornice di Piazza di Siena a Roma.

Il concerto è stato presentato dalla bravissima Antonella Clerici davanti ad un folto e qualificato pubblico. Più di 2.000 gli spettatori. Nel parterre anche il Ministro della Difesa, On. Antonio Martino, il presidente della Regione "Lazio" Piero Marrazzo, autorità cittadine, volti noti dello spettacolo, molti cittadini ed ufficiali, ispettori, sovrintendenti, appuntati e carabinieri. Antonella Clerici presenta il concerto della Banda dell'Arma dei CarabinieriA fare gli onori di casa, il Comandante Generale Luciano Gottardo, il Vice Comandante Generale Roberto Santini ed il Capo di Stato Maggiore Elio Toscano.

Il concerto della Banda dei Carabinieri è ormai divenuto un appuntamento tra i più significativi nel calendario musicale della primavera romana, per il riconosciuto valore del complesso musicale, da poco rientrato da un'applauditissima tournée in Giappone, e per l'altissima qualità delle esecuzioni, che spaziano dalla musica sinfonica al melodramma ed ai pezzi più diffusi della musica leggera italiana e straniera. Oltre che un evento artistico di pregio, il concerto è un'occasione d'incontro tra i Carabinieri, le loro famiglie e le più alte Autorità istituzionali. Ma è anche un omaggio alla città di Roma e alla sua gente per sottolineare simbolicamente l'intensità di un legame affettivo che unisce i Carabinieri agli Italiani tutti.

Cluaudio Baglioni si esibisce al pianofortePer raggiungere l'obiettivo, per essere sempre fra la gente e per la gente, non soltanto in Italia, ma anche nelle missioni di pace all'estero, l'Arma ha saputo rinnovarsi, nei suoi quasi 200 anni di storia, rimanendo al passo con i tempi, senza però perdere di vista le sue radici. Nell'Istituzione convivono, così, unità altamente specializzate, che si avvalgono di tecnologie investigative avanzatissime, e reparti, quali la Banda, che hanno conservato l'originaria configurazione.

Ieri, in particolare, la Banda dell'Arma, diretta dal Ten. Col. Massimo Martinelli, si è esibita eccezionalmente con Claudio Baglioni, cantautore che non ha bisogno di presentazioni, protagonista indiscusso della musica leggera italiana, ma, soprattutto, figlio di un Maresciallo dei carabinieri. Tante le opere suonate: "La forza del destino" di Verdi, "Inno al sole" di Mascagni, "'O suldato 'nnammurato" di Cannio, ecc.. Ma è stato sulle note dal vivo di "Avrai", interpretata in maniera appassionata da Baglioni, che si è scatenato il delirio, soprattutto tra i più giovani. Non c'è che dire: un vero successo.
Un momento del concerto