Menu
Mostra menu

Eventi

Cerimonia di commemorazione dei militari Caduti nell'adempimento del dovere
Roma ,  02/11/2007

Deposizione di una corona di alloro

Nella mattinata, presso il Sacrario Militare del Verano, alla presenza del Ministro della Difesa On. Arturo PARISI e delle più alte cariche Istituzionali della Capitale, si è svolta la cerimonia di commemorazione di tutti i militari Caduti nell'adempimento del dovere.

Prima della celebrazione al Verano, il Comandante Generale dell'Arma Gianfrancesco SIAZZU si è recato presso la Caserma "Orlando De Tommaso", sede della Scuola Allievi Carabinieri di Roma, ove, alla presenza di alcuni famigliari dei Caduti, di una rappresentanza di Allievi Carabinieri, dell'Associazione Nazione Carabinieri, Celebrazione della Santa Messa alla Scuola Allievi Carabinieri di Roma

dell'O.N.A.O.M.A.C., del Co.Ce.R., dei vertici dell'Arma in servizio ed in congedo, nonché di carabinieri di ogni ordine e grado della Capitale, si è svolta la cerimonia per commemorare i Caduti dell'Arma.

Il Generale SIAZZU, dopo essere stato ricevuto dal Comandante delle Scuole, Generale Corrado BORRUSO, e dal Comandante della Scuola Allievi, Colonnello Sabino CAVALIERE, ha deposto, alla presenza dei Reparti schierati in armi, una corona di alloro ai piedi della lapide su cui sono scolpiti i nomi dei Caduti.

Un momento della Cerimonia al Sacrario Militare del Verano

La cerimonia è proseguita con il saluto ai famigliari delle vittime ed è terminata con la celebrazione della SS. Messa da parte del Cappellano Militare della Scuola Allievi Carabinieri di Roma, Giancarlo Locatelli.

Successivamente, il Comandante Generale dell'Arma dei Carabinieri si è recato presso il Sacrario Militare dove, alla presenza del Ministro e del Capo di Stato Maggiore della Difesa, del Comandante della Regione Militare Centro, del Commissario Generale Onoranze Caduti in Guerra e delle altre autorità di Vertice, si è svolta analoga solenne cerimonia di commemorazione officiata dall'Arcivescovo Ordinario Militare per l'Italia, Monsignor Vincenzo PELVI.