Menu
Mostra menu

Comunicati Stampa

Denunciato per aver provocato un incendio boschivo colposo.
Comando Regione Carabinieri Forestale "Liguria" - Sesta Godano (SP), 07/12/2017 16:40

Carabinieri forestali della Stazione di Sesta Godano hanno segnalato all’autorità giudiziaria un uomo che il quattro dicembre scorso ha provocato, in località Nasceto di Sesta Godano, un incendio boschivo colposo (che ha distrutto ca. 2.500 mq di cerro, acacie e castagno) a causa della negligenza nell’abbruciamento di residui vegetali.
Tale abbruciamento era stato effettuato ad una distanza dal bosco inferiore al limite di legge ed evidentemente senza adottare le misure precauzionali necessarie, le quali devono tener conto che le condizioni del vento possono anche mutare improvvisamente, come sembra sia avvenuto nella fattispecie.

Si coglie l’occasione per ricordare che l’abbruciamento di residui vegetali è consentito alle seguenti condizioni:

  • che i residui derivino esclusivamente da operazioni agricole e selvicolturali (e quindi, ad esempio, paglia, sfalci e potature) e non da altre operazioni, quali taglio di piante e verde che insistono in contesti urbani, che generano invece rifiuti che devono essere smaltiti in via ordinaria. Assolutamente vietata, e sanzionata penalmente, è la combustione di altri generi di rifiuti, non vegetali, anche se effettuata mescolando gli stessi con quelli vegetali;
  • che l’abbruciamento sia effettuato sul luogo di produzione, interessi quantitativi non superiori ai limiti di legge (non più di tre metri cubi per ettaro al giorno), sia comunque effettuata in piccoli cumuli e non rientri in periodi di divieto dichiarati dalle autorità competenti (non sia effettuato, cioè, quando vige lo stato di grave pericolosità per gli incendi boschivi);
  • che l’abbruciamento sia effettuato entro i limiti orari fissati dalla normativa (da un’ora prima che sorga il sole sino ad un’ora dopo il tramonto) e comunque quando non spiri vento;
  • che l’abbruciamento sia effettuato alla distanza di legge da aree boscate (80 metri) e comunque con ogni forma di cautela e vigilanza che garantisca, anche tenendo conto che le condizioni del vento possono mutare all’improvviso, che le fiamme non inneschino un incendio.