Menu

Per una casa più sicura e più sana

Numerose volte siamo intervenuti in soccorso di cittadini coinvolti in incidenti domestici, talvolta anche mortali. L'indagine di marzo 2004 del Censis sul valore della sicurezza, in particolare, ha messo in evidenza che gli incidenti domestici sono tuttora la prima causa di incidentalità: nel 2003 sono stati 4 milioni, a fronte, ad esempio, di quelli sul lavoro pari a poco più di 1 milione e a quelli sulla strada pari invece a circa 300mila. 8mila sono state le vittime, di cui il 72% donne, per lo più -ovviamente- casalinghe, e il 28% uomini; moltissimi i bambini. Complessivamente, negli ultimi 12 anni questo genere d'incidenti è aumentato del 59,7%. Il luogo dove avvengono la maggior parte dei traumi e degli avvelenamenti è la cucina, seguita dal salone, dal bagno, dalla camera da letto e dal giardino. Le cause sono riconducibili essenzialmente a tre dimensioni: qualità del sistema abitativo, ancora molto bassa; caratteristiche dei prodotti che entrano in casa; comportamenti individuali, come scordare pentole sul fuoco (11,2%), spengere gli elettrodomestici tirando il filo della presa (10,9%), lasciare il gas aperto (9,1%), dimenticare accesi il forno (7,1%) o le sigarette (3,5%). Anche lo stato psicologico gioca un ruolo importante: è più facile subire un infortunio se si è affaticati o eccitati per i troppi impegni, in ansia o eccessivamente sicuri. E' allora importante promuovere una cultura della sicurezza per orientare la nostra condotta quotidiana verso scelte e comportamenti che favoriscano un rapporto sicuro con la casa e con gli arredi, tale da ridurre al minimo il rischio di infortuni domestici. Di seguito vi proponiamo alcuni consigli per prevenire i pericoli più comuni (elettricità, gas, etc.) e delle schede informative dedicate ad ogni ambiente domestico (cucina, bagno, etc.).

Elettricità

Impianti elettrici: talvolta qualche consiglio … può illuminare!

Impianti elettrici non a norma possono comportare il rischio di folgorazioni, corto circuito, incendio. Per evitare ciò, è bene: prevedere la “messa a terra” dell'impianto elettrico; proteggere l'impianto con l'interruttore differenziale; installare prese con alveoli schermati. L'impianto deve essere sottoposto a manutenzioni periodiche o, comunque, ogni qualvolta se ne ravvisi la necessità. L'installazione e la manutenzione degli impianti elettrici devono essere eseguite da tecnici abilitati, che, a fine lavori, sono tenuti a rilasciare la dichiarazione di conformità, documento che garantisce la sicurezza e la rispondenza degli stessi a quanto disposto dalla legge 46/90.

Per ridurre il rischio elettrico in casa, è buona regola:Un signore indica che il suo impianto elettrico è provvisto di messa a terra.[d]

  • evitare di forzare l'introduzione di spine con standard diversi dalla corrispondente presa;
  • sostituire le prese “vecchie” con delle nuove provviste del marchio CE;
  • evitare il collegamento prolungato alle prese a muro di adattatori, prese multiple, "ciabatte" e prolunghe, che potrebbero aumentare il rischio di sovraccarico provocando scintille e incendi;
  • evitare di stendere prolunghe sotto i tappeti;
  • non lasciare fili scoperti sotto tensione;
  • disattivare l'impianto elettrico con l'apertura dell'interruttore generale prima di eseguire qualsiasi intervento sull'impianto stesso.

In caso di incendio:

  • staccare la corrente;
  • non gettare acqua su impianti elettrici sotto tensione;
  • non esitare a richiedere l'intervento dei Vigili del Fuoco.

Acquisto di elettrodomestici e loro uso

La prima scelta consapevole che il consumatore deve adottare per prevenire gli incidenti domestici è quella di acquistare elettrodomestici che diano garanzia e pertanto deve assicurarsi che gli stessi riportino sempre la marcatura CE. La stessa, posta solitamente sul prodotto e/o sull'imballaggio e/o sulle avvertenze d'uso del prodotto, attesta la rispondenza del prodotto ai requisiti essenziali di sicurezza richiesti dalle direttive comunitarie e costituisce la condizione necessaria per la sua immissione sul mercato e la sua libera circolazione all'interno della Comunità Europea.

Al di là delle specificità di ogni singolo elettrodomestico, è bene ricordare che durante il loro uso devono essere assolutamente evitati alcuni comportamenti. In particolare:

  • non lasciate apparecchi elettrici sul bordo del lavandino o della vasca ed evitate di restare a piedi nudi quando si utilizzano;
  • prima di procedere alla pulizia o al lavaggio di tutte le apparecchiature alimentate elettricamente, staccate sempre le spine isolando l'elettrodomestico dalla rete elettrica;
  • dopo aver utilizzato un elettrodomestico, staccate la spina che li alimenta evitando strappi violenti;
  • controllate periodicamente il cavo di alimentazione, specie del ferro da stiro, dell'aspirapolvere e della lucidatrice che si deteriorano con maggiore frequenza;
  • non avvolgete i cavi di alimentazione troppo stretti attorno ai vari apparecchi e comunque in nessun modo quando sono ancora caldi;
  • se vi assentate per lunghi periodi, staccate sempre le spine degli apparecchi dalle prese.

Consigli per l'uso sicuro di alcuni elettrodomestici

  • lavatrici e lavastoviglie: pulire frequentemente il filtro per evitare possibili allagamenti;
  • boiler elettrici: fare verificare e pulire periodicamente la serpentina per eliminare i depositi calcarei che riducono la trasmissione del calore e aumentano i consumi;
  • frigoriferi e congelatori: collocare l'apparecchio lontano da fonti di calore, avendo cura di lasciare uno spazio di almeno 10 cm tra la parete e il retro dell'apparecchio in modo che sia ben areato; verificare il buono stato della guarnizione delle porte e pulire la serpentina del condensatore almeno una volta all'anno;
  • ferri da stiro: non lasciare il ferro da stiro acceso e incustodito; evitare che il cavo tocchi il ferro da stiro caldo; staccare la spina prima di immettere acqua nel ferro a vapore o nella caldaia; non stirare con le mani bagnate o a piedi nudi;
  • forni elettrici: preferire i modelli “freddi”, realizzati con materiali isolanti che non riscaldano le superfici esterne ed utilizzare sempre guanti termici per introdurre o prelevare i piatti di cottura;
  • asciugacapelli:Un uomo toglie la spina del phon dalla presa elettrica. usarlo lontano dalla vasca da bagno piena d'acqua e non adoperarlo mai con mani bagnate o piedi umidi;[d]
  • televisori: collocare il televisore su di un piano ben stabile ed avere cura di lasciare uno spazio di almeno 10 cm tra la parete e il retro dell'apparecchio per permettere l'aerazione; staccare sempre la spina dalla presa di corrente e quella dell'antenna in caso di assenze prolungate;
  • termoventilatori portatili: da utilizzare a distanza dall'acqua, non riporvi oggetti ed aver cura di tenerli lontani da eventuali tendaggi che potrebbero ostruire le prese d'aria; in bagno è preferibile che siano di tipo fisso, sistemati a muro a distanza di sicurezza; disinserire sempre la spina prima di spostarli di posizione;
  • aspirapolvere e apparecchiature per la pulizia a vapore: non lasciare acceso l'apparecchio “a vuoto”; per gli aspirapolvere a vapore, seguire attentamente le istruzioni di manutenzione della caldaia, soprattutto in relazione alla presenza di calcare;
  • condizionatore: programmarne il funzionamento solo nelle ore in cui si è presenti in casa. Tenere lontani i tendaggi che possono ostruire le prese d'aria e non porre oggetti sull'apparecchio;
  • forno a microonde: tenere pulita la guarnizione dello sportello e provvedere alla sostituzione se usurata a cura di un centro di assistenza indicato dal costruttore; verificare che la porta chiuda sempre bene; non avviare l'apparecchio senza prima aver inserito il cibo in appositi contenitori (non metallici); non ostruire le aperture di ventilazione.