Menu
Mostra menu

I Tiratori Scelti e gli Artificieri Antisabotaggio

Versione

Una immagine dal libro Arma dei CarabinieriIn occasione di grandi eventi e in tutte le circostanze in cui l'incolumità di personalità o dei cittadini potrebbe essere messa a repentaglio da attentatori, criminali o squilibrati, i tiratori scelti contribuiscono in maniera determinante al dispositivo di sicurezza, dominando da postazioni strategiche la zona interessata senza essere notati.

Sono Carabinieri dotati di assoluto autocontrollo psico-fisico, capaci di concentrarsi anche in condizioni estreme e di elevata competenza tecnica, grazie a un addestramento severo e scrupoloso condotto presso la Scuola di Perfezionamento al Tiro di Roma. 

Non meno gravoso è l'impegno richiesto agli artificieri antisabotaggio, chiamati alla "bonifica" dei luoghi o dei mezzi di trasporto nei quali si teme possano essere stati occultati esplosivi e al disinnesco degli ordigni effettivamente rinvenuti, secondo le tecniche acquisite presso la Scuola del Genio dell'Esercito. Per gli interventi più rischiosi vengono oggi impiegati moderni "robot" telecomandati che consentono di ispezionare gli oggetti sospetti a distanza di sicurezza. Qualora si sia già verificata un'esplosione, invece, gli artificieri supportano i colleghi che conducono le indagini nell'attività di ricerca di elementi utili a fini investigativi. Al pari dei tiratori scelti, sono dislocati capillarmente su tutto il territorio nazionale, in modo da garantire piena interazione con le altre componenti dei reparti territoriali.