Menu
Mostra menu

Il Coespu e l'Eurogendfor

Versione

Una immagine dal libro Arma dei CarabinieriL'atto di nascita della Forza di Gendarmeria Europea (Eurogendfor - EGF) è il trattato costitutivo sottoscritto in Olanda il 18 ottobre 2007, ma l'idea di creare una forza di sicurezza europea, ispirata ai gendarmes francesi e alle M.S.U. dei Carabinieri, risale a qualche anno prima. Già nel 2003, infatti, i Ministri della Difesa francese e italiano pensarono a questa soluzione per avere a disposizione, nell'ambito delle operazioni di pace, forze internazionali di polizia per il mantenimento dell'ordine e della sicurezza pubblica. Ad appena un mese dalla sua costituzione, EGF divenne una realtà pienamente operativa con lo schieramento dei primi contingenti nell'ambito dell'Unità Integrata di Polizia (IPU) della missione “EUFOR Althea” in Bosnia Erzegovina, con capacità di controllo della folla, investigazione e supporto delle forze di polizia locali.
Oggi l'EGF è una forza che può disporre da 800 a 2.300 unità impiegabili nelle aree di crisi per impedire il sorgere di conflitti, supportare le operazioni militari o assicurare la transizione all'amministrazione civile. Sei sono i Paesi che ne fanno parte e l'alimentano: oltre all'Italia, la Francia con la Gendarmerie Nationale Française, l'Olanda con la Koninklijke Marechaussee, il Portogallo con la Guarda Nacional Republicana, la Romania con la Gendarmeria Romena e la Spagna con la Guardia Civil.
Il comando dell'Eurogendfor, con sede a Vicenza, è assegnato a rotazione a ciascuno dei sei Paesi.
A Vicenza ha sede anche il CoESPU (Centro di Eccellenza per le Stability Police Units), istituito dall'Arma nel 2005, in stretta intesa con il Dipartimento di Stato americano e sotto l'egida del Dipartimento per le operazioni di pace delle Nazioni Unite, per incrementare le capacità globali di sostegno alle operazioni di pace, con particolare attenzione ai Paesi africani. Il Centro addestra personale di Forze di Polizia/Gendarmerie straniere che, una volta rientrato nel Paese di origine, assume posizioni di comando o di staff nelle Unità che tali Paesi offrono all'ONU per lo svolgimento di operazioni di pace oppure è impiegato in compiti di formazione. Nell'Istituto vengono svolti corsi High Level e Middle Management, rispettivamente per ufficiali superiori e per ufficiali inferiori / marescialli provenienti da Giordania, India, Marocco, Senegal, Camerun, Kenya, Nigeria, Serbia, Pakistan, Ucraina, Mali, Romania, Indonesia, Egitto, Nepal, Sudafrica e Burkina Faso.
Il CoESPU ha inoltre consolidato il proprio ruolo di centro di formazione internazionale e di polo dottrinale partecipando a numerose iniziative ONU, UE e NATO, cooperando con analoghi istituti formativi esteri e organizzando i corsi nei settori della gestione delle problematiche di polizia nelle crisi internazionali, della tutela del patrimonio culturale, del contrasto al terrorismo internazionale e della Polizia Militare.