Menu
Mostra menu

Le Tecnologie

Il sistema E.V.A.All'assolvimento delle missioni dell'Arma concorre anche la disponibilità di una solida piattaforma tecnologica, in grado di supportare efficacemente l'elemento umano che rimane centrale. Pure nel 2009 sono state adottate moderne soluzioni tecnologiche che hanno permesso di recuperare unità da destinare a compiti operativi e di potenziare la capacità di gestione della complessa organizzazione istituzionale. Oggi l'e-government nell'Arma è una realtà della quale andare fieri e che ha anche ottenuto lusinghieri riconoscimenti internazionali. Per tutti il prestigioso “World Summit Award 2009”, conferito a Monterrey, in Messico, al dispositivo “E.V.A.” (Enhanced Vehicle Automation): una tecnologia innovativa, applicata al controllo del territorio, interamente sviluppata dall'Arma. Si tratta di un sistema di automazione avanzata delle comunicazioni da autovetture, che consente al militare di pattuglia, attraverso comandi vocali, di consultare le banche dati e di attivare, fra l'altro, gli allarmi e l'invio d'immagini video, migliorando così la rapidità e la sicurezza degli interventi.

Questa e altre originali soluzioni gestionali consentono, oggi, di governare a tutto tondo le operazioni. In tempo reale, infatti, è possibile prendere visione di tutte le attività sul territorio, grazie a centrali operative all'avanguardia; attraverso il memoriale del servizio informatizzato si possono, quotidianamente, “leggere” i servizi preventivi e repressivi comandati da qualunque presidio dell'Arma e, quindi, impartire direttive per far gravitare gli sforzi dove è più necessario; elicotteri in volo inviano immagini ad alta definizione dell'area da monitorare. E tanto altro ancora.

Dall'attività preventiva alle indagini, anche qui la tecnologia nel 2009 ha giocato un ruolo da protagonista: sono stati ultimati i progetti per migliorare le capacità di investigazione scientifica del Ra.C.I.S. e dei R.I.S., come i Sistemi “Carabinieri-DNA” e LIMS (Laboratory Information Management System), per il tracciamento delle operazioni relative, rispettivamente, alla gestione dei profili genetici trattati nel corso delle indagini tecniche e alle attività di laboratorio effettuate con adozione di sistemi di autenticazione biometrica. Sono stati poi resi disponibili strumenti cartografici, di repertamento informatico e per la gestione di servizi di osservazione e controllo di persone e veicoli in movimento. Inoltre, l'applicazione di complessi modelli matematici alle investigazioni è alla base di due interessanti iniziative sperimentali. Una, condotta dal R.O.S. in collaborazione con il centro di ricerche SEMEION, è finalizzata a verificare l'efficacia di un motore semantico nell'effettuazione di ricerche complesse da fonti eterogenee. L'altra, sviluppata dal Ra.C.I.S. in collaborazione con Microsoft e le Università di Roma Tor Vergata e Palermo, denominata SOCRATES (Supporto Operativo Criminologico per l'Arma territoriale e i reparti speciali), mira a realizzare un sistema per l'elaborazione del profilo criminale degli autori di delitti seriali.

Nel settore logistico-amministrativo è stata ulteriormente potenziata la piattaforma tecnologica attraverso la quale il Centro Nazionale Amministrativo gestisce il trattamento economico e l'assistenza fiscale di tutto il personale, arricchita soprattutto con nuovi servizi on-line. Nel 2009, inoltre, è stata ultimata la realizzazione del Sistema Informativo Logistico dell'Arma (SILAC) per il governo del ciclo di vita di armi, mezzi, equipaggiamenti, arredi e immobili, che ha consentito una decisiva semplificazione delle procedure di approvvigionamento e uno stretto controllo delle spese, con un progressivo risparmio di risorse finanziarie e umane. Tale processo è stato accompagnato, nell'area finanziaria, dal rilascio del SIGD-NET per l'amministrazione centralizzata dei fondi.