Menu
Mostra menu

Le Investigazioni Scientifiche

Operatori del RacisAnche se nell'attività di polizia giudiziaria non si può rinunciare all'apporto dell'“uomo investigatore”, un ruolo altrettanto determinante è ormai riconosciuto alle tecniche di investigazione scientifica e al personale specializzato che si dedica al sopralluogo sulla “scena del crimine” (definizione resa familiare da tanta produzione televisiva e letteraria di successo), al repertamento e alla successiva analisi delle tracce del reato.

Queste delicate fasi sono di competenza del Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche (Ra.C.I.S.), dei 4 Reparti Investigazioni Scientifiche (R.I.S.) distribuiti in ambito nazionale (Roma, Parma, Cagliari e Messina) e delle Sezioni Investigazioni Scientifiche (S.I.S.) presenti nei maggiori Comandi provinciali che, nel 2009, hanno portato a termine, complessivamente, 18.698 accertamenti. E' un lavoro delicato, che nel quadro complessivo di un'inchiesta assume un'importanza determinante, sia perché l'eventuale contaminazione o alterazione dei luoghi può pregiudicare l'esito dell'intero accertamento, sia perché, qualche volta, quest'ultimo non può essere ripetuto.

Le indagini svolte per assicurare alla giustizia gli autori di crimini talvolta efferati sono basate su procedure rigorose, che garantiscono l'obiettività dei risultati. Esse spaziano dall'individuazione e comparazione delle impronte digitali, delle tracce biologiche e del DNA, agli esami balistici e degli esplosivi, all'analisi di materiali informatici per la ricerca di file e dati apparentemente eliminati. Ma non solo. Nell'ambito del Ra.C.I.S. è stato costituito il Reparto Analisi Criminologiche (R.A.C.), che supporta le indagini mediante la ricerca di elementi di connessione e di analogia con altri delitti e approfondisce i profili criminologici degli autori. Al suo interno opera dal 2009 la Sezione “Atti Persecutori”, impegnata sia ad approfondire lo studio dell'odioso fenomeno dello “Stalking” e delle forme di violenza nei confronti delle vittime vulnerabili, sia a fornire supporto ai Comandi territoriali affinando l'addestramento del personale nello specifico settore.