Menu
Mostra menu

La Comunicazione

Un operatore di redazione risponde ad un utente collegato tramite il videocontatto presente sul sito www.carabinieri.it
L'essere “patrimonio delle comunità ” è un impegno che l'Arma porta avanti tenacemente non solo garantendo la vicinanza “fisica” al cittadino, ma cercando anche di sfruttare le molte occasioni che gli strumenti di comunicazione, nuovi e tradizionali, offrono per entrare in contatto con il pubblico. Televisione, radio, internet, telefonia mobile, consentono infatti di “comunicare sicurezza”, di fornire informazioni, servizi e consigli utili a un'utenza sempre più vasta.
Attenzione, però, “fatti e non parole”. Perché il modo certamente migliore di comunicare sicurezza è, prima di tutto, con i fatti. Per questo l'Arma s'impegna a far conoscere attraverso i media la grande mole di lavoro e di risultati che ogni giorno le migliaia di presidi sul territorio conseguono, lontani dai riflettori della grande cronaca, spesso nell'esercizio di quella funzione di rassicurazione sociale tipica della Stazione che esula dall'attività di polizia in senso stretto. Oltre a “parlare con i fatti”, ed i dati dell'attività operativa riassunti nelle pagine precedenti sono lì a testimoniarlo, l'Arma ha cercato anche nel 2008 il contatto diretto con il cittadino attraverso un sistema di comunicazione integrata, che sfrutta le potenzialità offerte dalle nuove tecnologie per rendere un servizio più moderno alla collettività.
In tale ambito, il sito internet www.carabinieri.it, per la sua natura di sito di “pubblica utilità”, si è confermato ancora una volta uno straordinario strumento di servizio e comunicazione, dove l'utente, grazie al gran numero di informazioni, funzionalità e consigli offerti, ha potuto conoscere, fino alle più peculiari curiosità, la vita e la storia dell'Arma e, soprattutto, ricevere risposte concrete alle proprie necessità di sicurezza. Costantemente arricchito con nuovi applicativi e servizi (da ultimo “Concorsi On-Line”, per presentare via web le domande di partecipazione ai concorsi di arruolamento nell'Arma), il sito si è proposto come vero e proprio presidio dell'Istituzione sui territori virtuali della Rete: insomma, un “Comando Stazione Carabinieri Web”, al quale si sono rivolti nel 2008 ben 6.415.065 utenti, registrando complessivamente la consultazione di 61.213.600 pagine. Nel rapporto diretto col cittadino, inoltre, un ruolo importante è stato svolto dall'Ufficio Relazioni con il Pubblico, che nel corso dell'anno ha gestito 18.873 e-mail pervenute all'indirizzo carabinieri@carabinieri.it e 20.170 telefonate pervenute al “Contact Center” dell'Arma (0680982935), fornendo sempre risposte tempestive. I Carabinieri sono entrati nelle case degli italiani anche grazie ad attori molto amati dal pubblico che hanno vestito l'uniforme in fiction e film di successo.
L'Arma ha raggiunto un folto pubblico anche con i propri prodotti editoriali. “La Rassegna dell'Arma” è una pubblicazione che tratta temi di interesse giuridico-professionale ed è molto apprezzata in ambito scientifico, mentre “Il Carabiniere” è un mensile che si rivolge ad una platea di lettori più ampia, proponendo, con un taglio accattivante e con la collaborazione di grandi firme del giornalismo e della cultura, argomenti d'attualità.
Il Calendario Storico 2008, infine, dedicato ai “Carabinieri nello Sport”, è stato, come da tradizione, un grande successo editoriale, non solo tra i collezionisti, ma anche e soprattutto tra i cittadini che, stando ad un sondaggio promosso dall'Istituto Eurispes, nel 2008 hanno indicato l'Arma come una delle Istituzioni più amate, confermando un trend di fiducia in crescita negli ultimi anni.