Menu
Mostra menu

Il Comandante di Stazione e il Carabiniere di Quartiere

Comandante di stazioneLa tradizionale vocazione di vicinanza alla popolazione, che caratterizza l'Arma dei L’attività di controllo del territorio trova il suo fondamento nelle Stazioni Carabinieri, capillarmente presenti su tutto il territorio nazionale, nei grandi centri urbani come nei piccoli comuni della provincia.
Esse rappresentano le “unità operative elementari”, da cui l’Istituzione trae il più alto coefficiente di successo, che assicurano, nell’ambito territoriale di competenza, tutti i servizi di polizia, dalla prevenzione generale alle attività di polizia giudiziaria. I lusinghieri risultati conseguiti nel 2008 confermano la straordinaria vitalità di questi reparti, che da soli hanno proiettato 3.592.908  servizi sul territorio, denunciato 290.222 persone ed eseguito 55.294 arresti.
Ma il ruolo delle Stazioni e dei suoi comandanti va ben oltre la capacità operativa del reparto. La conoscenza delle dinamiche sociali e criminali consente, infatti, di alimentare un circolo virtuoso di efficacia e fiducia nell’interazione con le comunità di appartenenza, esaltando il valore sociale dell’attività di polizia. Attività che si espleta attraverso il contatto continuo con il cittadino, per individuare le sue esigenze di sicurezza e soddisfarle, per soccorrerlo in caso di disgrazie, incidenti, infortuni o pericoli.
In tale quadro, i Comandanti di Stazione sono in grado di assorbire anche bisogni minuti, ansie e preoccupazioni non sempre direttamente corrispondenti all’incidenza di fenomeni criminali specifici, concretizzando una vera e propria attività di “rassicurazione sociale”.
Inoltre, la Stazione Carabinieri è protagonista di quel processo di rinnovamento del sistema della sicurezza pubblica che corrisponde alla “polizia di prossimità”, a partire dal servizio di Carabiniere di quartiere.
Tale servizio rappresenta per l’Arma la trasposizione del proprio originale modello istituzionale dalla campagna alla città, trasferendo nei popolosi quartieri urbani la presenza vigile e rassicurante dei Carabinieri che si fermano a parlare con la gente, per conoscerne le esigenze e raccoglierne le istanze.
Il rapporto personale e diretto con il cittadino accresce la capacità di ascolto e favorisce la conoscenza e la fiducia reciproca, divenendo momento qualificato di vicinanza. Tutto ciò senza perdere la tipica connotazione operativa, rivolta specialmente ai reati di strada e a taluni fenomeni di disordine urbano. Oggi i Carabinieri di quartiere sono 1.620, impiegati in tutti i capoluoghi di provincia e in altri 116 centri urbani.

  • Servizi preventivi 

Servizi4.617.303
Automezzi controllati14.578.134
Persone identificate18.885.918

 

  • Circolazione stradale

Infrazioni al C.d.S. accertate598.875
Incidenti rilevati42.900
Soccorso a terzi27.589