Menu
Mostra menu

I Cinofili e i Carabinieri a Cavallo

Un carabiniere cinofilo ed il suo caneNelle attività di ricerca e pattuglia l'uomo Carabiniere trova il sostegno di due amici fedeli: il cane e il cavallo.

I cani fiutano quello che l'uomo neppure odora: tracce di malviventi o di persone scomparse, stupefacenti, esplosivi o l'esile respiro delle vittime di valanghe o disastri naturali. Ad oggi, i cani in servizio sono circa 400, distribuiti in 22 Nuclei sull'intero territorio nazionale. Questi straordinari animali formano con i loro Carabinieri conduttori un binomio operativo inseparabile - l'unità cinofila - in grado di svolgere una grande varietà di servizi: 1.741 nel solo 2007.

La maggior parte dei cani sono pastori tedeschi, impiegati nelle tre diverse specialità: il cane da polizia, per la ricerca di piste o di oggetti, per la difesa o l'attacco; il cane antidroga e quello per la scoperta di esplosivi. Più recentemente, a questa razza si sono affiancati alcuni esemplari di labrador.

Carabinieri a Cavallo in pattugliaL'Arma in sella, invece, ha origini lontane, quando il cavallo era l'unico mezzo utile di perlustrazione. Poi automobili e motociclette hanno sostituito i quadrupedi, ma non del tutto. Ancora oggi, i Carabinieri arrivano a cavallo dove ruote e motori non giungono, compiendo servizi di rastrellamento per la ricerca di latitanti o per individuare discariche abusive in collaborazione con i Nuclei Operativi Ecologici. Inoltre, è possibile scorgere le pattuglie a cavallo nei grandi parchi, dove i quadrupedi offrono ai militari agilità negli spostamenti e una prospettiva di osservazione elevata molto utile.

Queste attività richiedono naturalmente un addestramento costante e severo, che trova la sua massima espressione nel Carosello storico del Reggimento a cavallo. Prima al passo e poi al trotto, cavalli e cavalieri, si muovono con eleganza, all'unisono, componendo complesse figure a suon di musica, fino alla corsa liberatoria al galoppo, con una abilità equestre eccezionale, la stessa indispensabile all'impiego operativo.