Menu
Mostra menu

RISERVA NATURALE DI PROTEZIONE ISOLA DI VARANO

Regione: Puglia
Provincia: Foggia
Comuni: Cagnano Varano, Ischitella
 

Istituzione: DM 13 luglio 1977

Proprietà: Demanio dello Stato
Altitudine: 0-4 m. s.l.m.
Estensione: 154 ha

Riserva naturale di protezione
L'area è ubicata sul versante settentrionale del Gargano, sull'istmo che separa il mare dal Lago di Varano.

Altre indicazioni e classificazioni:
Inclusa nel Parco nazionale del Gargano
ZPS (Direttiva79/409/CEE) IT9110037
pSIC (Direttiva 92/43/CEE) IT9110001

Organo di Gestione:
Reparto Carabinieri Biodiversità di Foresta Umbra (FG)
Località Foresta Umbra - cap 71018 Monte Sant'Angelo (FG)
Tel. 0884/560944 Fax 0884/560948

  1. Flora
  2. Fauna
  3. Fruizione
Alberi

Descrizione e cenni storici

Acquisita al Demanio dello Stato in successione, tra gli anni 1957 e 1961 , l'area, in due corpi, è costituita da una stretta fascia di terra, larga mediamente 220 metri, compresa tra la spiaggia del Mare Adriatico e la strada provinciale che collega Rodi con Lesina.
È stata oggetto, a partire dai primi anni 50, dopo i violenti incendi che ne hanno distrutto l'originaria vegetazione, ad una intensa opera di rimboschimento che ha visto l'impiego di essenze psammofile quali l'acacia saligna, per rinsaldare le dune, e di pini ed eucalipti, per costituire la fascia di protezione dei retrostanti coltivi dal sorrenamento e dai venti salsi.
Attualmente nella zona è presente una discreto numero di strutture turistiche. A carico della vegetazione derivata dal rimboschimento si sta attuando una graduale ma continua attività selvicolturale per favorire la rinaturalizzazione del soprassuolo.
 
 

 
 
Pino d'Aleppo

Flora

Le più diffuse specie naturali sono il pino d'Aleppo, il leccio, i ginepri, il lentisco, il mirto, la fillirea, il rosmarino, lo smilace, l'asparago e i cisti. Tra le specie non indigene si annoverano gli eucalipti, il pino domestico, il pino marittimo e l'acacia saligna.
 
 

 
 

Fauna

La fauna selvatica stanziale vede la presenza della lepre, della volpe e del riccio tra i mammiferi. Tra gli uccelli, le specie migratorie sono numerose. Le principali sono: la tortora, il cuculo, l'upupa, il rigogolo, la beccaccia, poche specie di falconidi e di turgidi nonché svariati uccelli acquatici e ripicoli che sorvolano la riserva nei loro frequenti spostamenti dal lago al mare e viceversa.
 
 

 
 

Fruizione

La riserva, confina con una importante rotabile. Da questa partono verso il mare numerosi viali spartifuoco che consentono di raggiungere liberamente, a piedi, la spiaggia.