Menu
Mostra menu

RISERVA NATURALE ORIENTATA FEUDO INTRAMONTI E COLLE DI LICCO

Regione:Abruzzo
Provincia: L'Aquila
Comune: Civitella Alfedena

Istituzione:
DM del 26 luglio 1971 (Colle di Licco)
DM del 9 febbraio 1972 (Feudo Intramonti)
Proprietà: Demanio dello Stato

Altitudine:
Si passa da una quota minima di 1032 m. del Casone Crugnale (sulla strada Marsicana) ai 2228 m. di M.te Forcone della Catena del M.te Marsicano.
Colle di Licco: da 1032 m a 1400 m
Estensione:
Feudo Intramonti 908 ha
Colle di Licco 95 ha

Organo di Gestione:
Reparto Carabinieri Biodiversità di Castel di Sangro (AQ)
Via Sangro 45 - cap 67031, Castel di Sangro (AQ)
Tel. 0864/845938  Fax 0864/840706


Numeri utili:
Comando Stazione Carabinieri Forestale Civitella Alfedena Tel. 0864/890169
Centro visita del Parco Nazionale d'Abruzzo Lazio e Molise - Museo del Lupo
0864/890141
Agenzia Wolf
Tel. 0864/890360 - 0864/890222
Municipio
Tel. 0864/890444

  1. Flora
  2. Fauna
  3. Fruizione
Vista panoramica delle Riserve di Feudo Intramonti e Colle di Licco

Descrizione e cenni storici

Le Riserve Naturali Orientate "Feudo Intramonti" e "Colle di Licco" hanno una notevole importanza per la loro ubicazione nel cuore del Parco Nazionale d'Abruzzo Lazio e Molise e per il loro interesse naturalistico e paesaggistico. Venutosi a trovare entro i confini del PNALM dopo l'ultimo ampliamento avvenuto a seguito del D.P.R. del 2 novembre 1976 e che ha compreso il Monte Marsicano, la montagna di Godi ed altre vaste zone una volta escluse, il Feudo Intramonti riveste notevole importanza sotto l'aspetto naturalistico per ciò che concerne la flora e la fauna, nonché per la bellezza del paesaggio.

In passato la Riserva "Feudo Intramonti" fece parte del Feudo del Comune di Civitella Alfedena, proprietà del duca Augusto della Porta e dei suoi antenati fino al 1697, mentre nel 1957 fu ceduto in vendita all'Azienda di Stato per le Foreste Demaniali.

La riserva Naturale Orientata "Feudo Intramonti" occupa un area posta sulla sinistra idrografica del fiume Sangro e rientra esclusivamente nei territori del comune di Civitella Alfedena.
Il confine inferiore della Riserva è rappresentato dalla SS 83 Marsicana per un tratto compreso tra il Km 54 e il Km 56, mentre i confini Ovest, Nord-Ovest, Nord e parte di quello Est sono rappresentati dagli stessi confini comunali esistenti tra il comune di Civitella Alfedena ed i comuni rispettivamente di Opi, Scanno e Villetta Barrea.
La riserva comprende praticamente tutto il bacino di Valle Ciavolara e la parte alta di Valle Rapino, nonché tutta la Valle del Tesoro.
Si passa da una quota minima di 1032 m del Casone Crugnale (sulla strada Marsicana) ai 2228 m di Monte Forcone della Catena del Monte Marsicano.

La Riserva "Colle di Licco" si estende esclusivamente sulla destra idrografica del fiume Sangro, il quale ne segna il confine inferiore per un tratto compreso tra il Km 54 ed il Km 56 della adiacente SS 83 Marsicana.
Si trova a far parte quasi interamente del territorio del comune di Civitella Alfedena.

Come arrivare:
Parco Nazionale d'Abruzzo Lazio e Molise - S.S. Marsicana n. 83 tra il Km 53 e il Km 54

 
Flora

Flora

Sia nella Riserva di Licco che nel Feudo Intramonti, andando dal fiume Sangro alle quote più alte si nota una successione naturale della vegetazione che va dal Castanetum alla zona del Fagetum. È presente un bosco misto di latifoglie in cui predominano la roverella (Quercus pubescent), il cerro (Quercus cerris), l'acero montano (Acer pseudoplatanus), l'acero minore (Acer monspessolanum), l'orniello (Fraxinus ornus), sorbo montano (Sorbus aria) e varie specie arbustive come la Berretta del prete (Evonymus europaeus) e varie rosacee.
Risalendo in quota il bosco misto di latifoglie lascia progressivamente il posto ad un soprassuolo monospecifico di faggio, il quale si spinge fino alle praterie xerofile di altitudine in cui si insediano, soprattutto nelle pietraie e nei ghiaioni cespugli di ginepro nano e di Rhamnus alpino.

 
 
Orsa con tre piccoli sul prato

Fauna

La presenza di vaste zone con vegetazione bassa e intricata, come nel caso delle pendici di Monte Forcone, rese ancor più selvagge dalle frequenti piccole frane e slavine che si ripetono durante l'anno costituisce, insieme alle numerose grotte ed anfratti presenti, rifugio ideale per l'Orso bruno marsicano.
Per quanto riguarda il camoscio d'Abruzzo (Rupicapra pyrenaica ornata) c'è da dire che mentre nella riserva Feudo Intramonti la sua presenza è del tutto sporadica, nella riserva Colle di Licco è invece abbastanza frequente. 

Fruizione

La riserva fa parte della zona A del Parco Nazionale d'Abruzzo Lazio e Molise (riserva integrale). L'ingresso ai visitatori non è consentito. Vi si trova l'area di sosta della Camosciara.

Nel mese di febbraio 2019 i Centri Visite delle nostre Riserve M. Velino e Feudo Intramonti saranno aperti al pubblico, oltre che nei giorni feriali, nei periodi della fine settimana limitatamente ai giorni SAB 2, DOM 10, SAB 16 e DOM 24, con il consueto orario 9:00-17:00.